kevin cammina gn
Salute
IL FATTO

Il sogno del piccolo Kevin ora è realtà: un intervento negli Usa per camminare

Il bambino attende un’operazione per l’allungamento del perone. E l’Asl sosterrà le spese

Un anno e mezzo fa, negli Stati Uniti, la prima operazione per tornare a camminare con un tutore. Una storia iniziata nel quartiere Lucento e proseguita – anche grazie agli aiuti di Torino Cronaca – in Florida dove il piccolo Kevin, 4 anni, sogna, ora, il secondo intervento che gli permetterà di muovere la gamba senza tutore. In tutto questo tempo il bimbo ha fatto progressi da gigante, l’osso si è calcificato bene, il perone si è ingrossato e finalmente potrà dormire senza il tutore. «L’arto di Kevin – racconta la mamma Zamira dalla Polonia, dove il piccolo ha fatto una visita di controllo -, è pronto per fare l’intervento di allungamento del perone». Il dottor Paley, uno specialista nel campo ortopedico, allungherà la gamba di 6-8 centimetri, modificherà il filo di ferro e farà la sostituzione della placca che funziona come rotula. L’intervento è previsto per aprile 2023, mentre l’ultimo risale al 14 luglio 2021.

I COSTI
La felicità dell’intervento non nasconde le preoccupazioni per i costi, che in questi casi non sono mai uno scherzo. «Ad oggi abbiamo circa 22mila euro – racconta la mamma -, ma il preventivo di intervento, fisioterapia e tutore è di circa 168mila euro». Tuttavia c’è una buona notizia: la metà del costo del solo intervento verrà coperta dall’Asl di Torino. La permanenza in Florida durerà 10 mesi. «La somma totale – conclude la mamma -, toccherà i 230mila euro, tali da coprire l’intervento, la fisioterapia, l’affitto di casa, il noleggio della macchina, i biglietti aerei, l’assicurazione e il prolungamento del visto dopo sei mesi dal nostro arrivo. Confidiamo nell’aiuto di tutti. Chi avesse piacere di aiutarci a continuare il percorso di Kevin può farlo con una piccola donazione. Per noi ogni singolo euro è importantissimo».

LIETO FINE
Per il ragazzino che arriva da Lucento si avvicina, dunque, il lieto fine di una storia iniziata nel 2019. Con i primi appelli di Torino Cronaca e gli aiuti dei nostri lettori alla famiglia, importanti per pagare le spese del viaggio e delle visite al The Paley Orthopedic and Spine Institute, la clinica medica a West Palm Beach che si è presa in carico le sorti del bimbo. Nato con una grave malformazione alle gambe, dopo una gravidanza perfetta, il piccolo si è subito trovato a fare i conti con una “emimelia tibiale”. Un problema che Zamira e papà Fabio hanno subìto provato a risolvere, recandosi negli ospedali di mezza Torino. Ma senza successo. Soltanto grazie a internet la famiglia è venuta in contatto con uno specialista nel campo. Per aiutare ancora la famiglia, via PayPal: Sadiku.zamira@yahoo.it o dalla pagina Facebook “Realizziamo il desiderio di Kevin”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo