Schermata 2017-09-27 alle 23.07.40
News
NICHELINO

“Il quartiere è invaso dai topi”. I ratti a pochi passi dalle scuole

Le immagini scattate ai roditori sono finite anche in consiglio comunale

Scatta l’allarme topi nel quartiere Castello di Nichelino, in particolare in piazza Aldo Moro, vicino alle scuole e al mercato cittadino del giovedì. Diverse sono ormai le segnalazioni, corredate da fotografie e video, che i cittadini hanno fatto nel corso delle ultime settimane come a comprovare un peggioramento di una situazione di cui si parla da mesi. Il Comune infatti era già intervenuto, inserendo una serie di trappole che potessero limitare il problema, ma poi si è scoperto che le colonie presenti erano troppo numerose.

Ed è quindi necessario un piano più invasivo per debellare la presenza di ratti che girano indisturbati in una delle zone più frequentate della città. Nei giorni scorsi sono pervenute agli esponenti locali del Movimento Cinque Stelle immagini inequivocabili, scattate proprio a pochi passi dalla scuola. Si vede un ratto di grosse dimensioni aggirarsi tra i bidoni della spazzatura poco lontano dall’ingresso dei ragazzini di elementari e medie. «Non stiamo parlando dei soliti atti di vandalismo – spiegano dal Movimento -, ma della presenza di topi che stanno esponendo un intero quartiere ad un grave rischio sanitario. Per le numerose segnalazioni che ci sono arrivate dai cittadini presenteremo un’interrogazione urgente in consiglio comunale. Vogliamo che si intervenga immediatamente – spiegano i pentastellati -, per ripristinare una situazione di “decenza urbana” e soprattutto chiederemo di avviare quanto prima un programma di prevenzione su tutto il territorio».

Il sindaco, Giampiero Tolardo, spiega: «Venerdì avremo un incontro con i tecnici di una ditta specializzata in questi interventi e pianificheremo un’azione mirata e incisiva, con tanto di transenne volte a evitare che i cittadini possano entrare in contatto con le zone dove si effettuerà la derattizzazione. Il problema c’è, lo sappiamo e avevamo già anche preventivato una serie di interventi, che però ci sono stati sconsigliati perchè avremmo potuto provocare problemi anche ad altri animali. Le trappole che avevamo messo prima dell’estate non sono bastate e quindi ora passeremo ad un livello di azione più marcato»

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo