arresti
Cronaca
Polizia in azione

Il latitante e il molestatore di clienti: due arresti in centro a Torino

Il primo denunciato anche per ricettazione, il secondo per minacce e tentato danno aggravati

Nelle scorse ore personale del commissariato Centro ha rintracciato un latitante di 55 anni, ricercato a seguito dell’emissione nei suoi confronti, da parte dalla Procura Generale della Repubblica di Torino,  di un ordine di carcerazione. Il provvedimento riguarda un cumulo di pene per reati diversi, quali estorsione, furto, violenza privata, e condanna alla pena della reclusione per un periodo di quattro anni, due mesi e venti giorni, oltre al pagamento della pena pecuniaria di 1580 euro. L’uomo, di nazionalità italiana, si era reso irreperibile; all’atto dell’arresto è stato trovato in possesso di due flaconcini di metadone, la cui etichetta era completamente abrasa e in merito ai quali non è stato in grado di fornire alcuna giustificazione. Pertanto, è stato anche denunciato per ricettazione.

Inoltre, nella notte fra mercoledì e giovedì, medesimo personale è intervenuto presso un locale di piazza Savoia per la segnalazione di un soggetto molesto nei confronti degli avventori. L’uomo, identificato grazie ad alcuni documenti che aveva al seguito, è risultato essere un cittadino marocchino di 25 anni con precedenti di polizia: poco prima aveva minacciato senza alcun motivo i clienti del locale, tirando fuori dalle tasche anche un sampietrino e mimando il gesto del lancio al loro indirizzo. All’arrivo della polizia il giovane era apparso collaborativo ma una volta entrato a bordo dell’autovettura per il trasporto negli uffici del commissariato ha messo in atto una strenue resistenza nei confronti dei poliziotti, con calci, sputi e gomitate al loro indirizzo, tentando anche di danneggiare il mezzo. Pertanto, è stato arrestato per violenza, minacce e resistenza a pubblico ufficiale, nonchè denunciato per minacce aggravate e tentato danneggiamento aggravato.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo