Schermata 2017-08-24 alle 07.41.26
Cronaca
Secondo quanto emerso dall’autopsia, chi ha sparato è un mancino e si trovava alle spalle dell’uomo, a distanza molto ravvicinata

IL GIALLO. L’uomo ucciso a Fenis ancora senza identità. Ecco la foto dell’orologio che indossava

Proseguono le indagini dei carabinieri sul delitto di Fénis. La vittima non ha ancora un nome

AGGIORNAMENTO 14.33 – Non si è ancora riusciti a risalire all’identità dell’uomo ucciso e successivamente carbonizzato a Fenis. La procura ha quindi deciso, per riuscire ad avere un eventuale contributo nell’identificazione della vittima, di trasmettere la foto di un orologio identico a quello indossato dall’uomo. Si tratta di un orologio anni 80-90 abbastanza particolare che oramai non si vede più in giro.

Ecco la foto:

98304f5a-8cbf-486c-8111-7d3819364fa2

Un’esecuzione. Con il passare delle ore, prende sempre più corpo l’ipotesi che l’uomo ucciso e dato alle fiamme a Fénis sia rimasto vittima di una vera e propria esecuzione.

L’autopsia ha infatti evidenziato due fori di proiettile sul corpo di quello che è ancora uno sconosciuto: uno sulla parte posteriore del collo e uno sul torace. Il primo sarebbe quello di ingresso del proiettile (che non è stato ritrovato), il secondo quello di uscita.

Chi ha sparato quindi era alle spalle dell’uomo, a distanza molto ravvicinata e la vittima era, con ogni probabilità, in ginocchio.

Questo infatti spiegherebbe la traiettoria dall’alto al basso seguita dal proiettile, mentre il fatto che quest’ultimo non sia stato ritrovato è un elemento che fa pensare che il delitto sia avvenuto in un altro luogo e che solo in un secondo momento il corpo sia stato portato a Fénis e bruciato.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo