Schermata 2017-07-04 alle 08.17.01
News
BORGARO

Il festival sul lago era abusivo. Sequestrate piste e ristoranti

I carabinieri hanno anche trovato 30 chili di generi alimentari scaduti

Ha organizzato un festival con tanto di ristoranti, piste da ballo, postazioni per la musica. Tutto però abusivo. Per questo motivo, Stefano Vittorio, 48enne presidente del circolo “Lago Isola del pescatore”, al Villaretto di Borgaro, è stato denunciato dai carabinieri della compagnia di Venaria e dai colleghi del Nas, per inosservanza disposizioni impartite dall’autorità, spettacoli o tratte-nimenti pubblici senza licenza, apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o trattenimento, commercio di alimenti scaduti e non smaltiti e mancanza conformità “Haccp”.

Lo scorso sabato, Vittorio aveva inaugurato il “Tropical Village Festival”, pur non avendo alcuna autorizzazione per organizzarla nei suoi 7mila metri quadrati di terreno. Infatti l’area, negli anni scorsi, era stata concessa al 48enne dal Comune di Borgaro esclusivamente per attività di pesca sportiva nei laghi presenti nella struttura. E invece, nel corso del controllo è stata accertata la presenza di ben tre piste da ballo, con diversigazebo destinati a somministrazione di bevande ed alimenti, e addirittura quattro ristoranti e vari punti di ristoro, realizzati senza alcuna autorizzazione edilizia.

Di qui la decisione di porre sotto sequestrato 1.196 bevande e 30 chili di alimenti scaduti ma messi lo stesso in vendita dal gestore. All’arrivo dei carabinieri, in divisa e in borghese, sabato notte attorno alle 2 erano presenti 100 ospiti, tutti privi della tessera associativa che invece deve essere rilasciata per poter fruire del lago e del circolo. I militari hanno notificato multe per oltre 4.500 euro.

Il sindaco Claudio Gambino un anno fa aveva firmato una ordinanza per vietare la pesca su tutta l’area per un “possibile inquinamento del lago”. Non solo. Nel 2015, invece, l’area era finita al centro delle cronache per via della denuncia dei carabinieri della compagnia Oltre Dora di Torino per reati di natura ambientale e violazioni delle leggi urbanistiche commesse all’interno del circolo.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo