Culturista
Profondo Giallo
LA RUBRICA

Il culturista ammazzato da due sicari prezzolati: «È stata una vendetta»

Regolamento di conti

Erano partiti da Roma all’alba, con una missione speciale: uccidere. In tre si erano messi in viaggio, uno alla guida di una Smart bianca, gli altri due su una Giulietta grigia, diretti a un casolare di campagna nei pressi di Soriano del Cimino. Il «ferro», come usa tra malavitosi, era stato nascosto sotto il sedile, a portata di mano. Erano arrivati in località Acquafredda attorno alle 8 dello scorso 7 agosto. Si erano appostati. Sapevano che il loro uomo non avrebbe avuto scampo. E così era stato.

Salvatore Bramucci, 58 anni, amante della bella vita, super palestrato, culturista, con precedenti penali più o meno recenti, era morto all’istante, ucciso da una serie di revolverate. E adesso, neanche un mese e mezzo dopo, i presunti assassini sono finiti in carcere: si tratta di due 48enni romani, Tonino Bacci e Lucio Di Pietra, residente uno all’estrema periferia Est della capitale e l’altro a Guidonia. Entrambi arrestati con l’accusa di omicidio volontario e rinchiusi nel carcere viterbese di Mammagialla.

Una coppia di sicari, assoldata per uccidere, da un mandante rimasto nell’ombra: tra i due uomini richiusi in cella e l’ucciso sembra non sia mai esistito alcun tipo di legame. La ricostruzione degli inquirenti è stata dunque ritenuta solida e accolta dal gip. Un regolamento di conti maturato nel mondo della delinquenza comune (estorsione, usura, rapine), ma attuato con la tecnica di un commando.

I sicari avevano messo le loro auto di traverso sulla strada, per impedire a Bramucci di proseguire, erano balzati giù con le pistole in pugno e fatto fuoco attraverso il parabrezza: l’uomo era stato freddato da sei colpi di pistola, esplosi da neanche due metri, che l’avevano raggiunto al volto e all’addome. Chiuse le indagini, sono scattate le misura di custodia cautelare eseguite dai carabinieri del comando provinciale di Viterbo, in seguito a numerose perquisizioni andate a buon fine.

Oltre ai due arrestati per omicidio volontario, ci sono tre complici indagati. La vittima fu punita per uno «sgarro», da quel poco che è filtrato dagli inquirenti. Decisivo il video che ha dimostrato la presenza vicino alla casa della vittima dei due arrestati, tre giorni prima dell’agguato. Evidentemente stavano svolgendo un sopralluogo.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo