forte fenestrelle
Cronaca
FENESTRELLE

Il Comune in cerca di alleati per “comprarsi” il Forte

Via agli incontri, il progetto è quello di creare un Consorzio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Partiranno a fine mese gli incontri per fare un progetto di territorio per il futuro del Forte di Fenestrelle. Il Comune ha concordato un percorso condiviso con la Regione, tra le idee sul tavolo c’è anche la costituzione di un consorzio, ma tutto è ancora da decidere. Al momento infatti le sorti dell’imponente complesso edificato dal 18° al 19° secolo sono sospese.

La concessione in gestione all’associazione Progetto San Carlo onlus, dalla durata di 19 anni, è scaduta il 12 febbraio scorso e fino a fine anno c’è una proroga che però non lascia il sodalizio tranquillo, tanto che non si terranno le tradizionali rappresentazioni estive in accordo con il Comune e anche sul fronte dei lavori di restauro è tutto bloccato.

Il Demanio, proprietario del complesso, ha comunicato l’intenzione di fare una gara internazionale per assegnare il bene. Una prospettiva che ha fatto storcere il naso all’Amministrazione comunale di Fenestrelle, che, per rallentare questa ipotesi, ha mandato una richiesta di acquisizione con la procedura del federalismo demaniale culturale e ora dovrebbe presentare un progetto di valorizzazione, come prevede la legge.

«L’abbiamo fatto per fermare l’iter e ragionare sul da farsi. Un complesso simile non può essere assegnato a un privato, senza che ci siano almeno delle linee guida da parte degli enti pubblici» sottolinea il sindaco Michel Bouquet, che punta molto sulla valorizzazione del Forte, che raggruppa tre fortificazioni (San Carlo, Tre Denti e Delle Valli).

Venerdì il primo cittadino ha incontrato l’assessore regionale al Bilancio Andrea Tronzano alcuni dirigenti della Regione per fare il punto della situazione. La Giunta Cirio, infatti, non intende acquisire il complesso, malgrado l’invito lanciato qualche mese fa dal consigliere regionale Valter Marin, ex sindaco di Sestriere. Ma l’intenzione è di fare rete con il territorio: «Abbiamo concordato di fare una serie di incontri che vedranno protagonisti, oltre al nostro Comune, quello di Usseaux, l’Unione Via Lattea, l’Unione Valli Chisone e Germanasca, Pinerolo, la Regione, La Città metropolitana e il Parco Alpi Cozie» anticipa Bouquet.

In questi incontri verranno esaminate varie soluzioni, da quella del Consorzio a una serie di linee guida da proporre al demanio e da inserire nell’eventuale bando internazionale.

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo