Studenti al lavoro per Love Food
Cronaca
SETTIMO

Il cibo gratis degli studenti-chef. Aiuto alle famiglie in difficoltà

”Love food” garantisce un pasto caldo utilizzando le eccedenze dei supermarket

Scuola, associazioni, supermercati, enti no profit, parrocchie e Rotary, tutti insieme per un progetto di solidarietà di grande importanza: Love Food, che vede gli studenti di Enaip Settimo cucinare pasti caldi per le famiglie in difficoltà, utilizzando le eccedenze dei supermercati recuperate dai volontari della Caritas.

Il progetto si svolge in collaborazione con diverse realtà settimesi attive sul territorio: la Caritas, insieme al Banco Alimentare che da ormai più di dieci anni recupera la frutta e la verdura da Bennet, Lidl e Coop, distribuendola poi a numerosi nuclei familiari, grazie alle segnalazioni fornite dalle Caritas parrocchiali stesse e da Casa Betania, il centro di ascolto interparrocchiale di Settimo Torinese. Allievi e allieve delle classi 1° e 2° del corso di ristorazione si sono mostrati fin da subito entusiasti di poter contribuire al progetto utilizzando le proprie competenze.

Ogni mercoledì Enaip Settimo provvede a fare la spesa tra gli invenduti e, in base agli alimenti a disposizione, improvvisa un menù da proporre agli studenti, che saranno poi affiancati dai loro insegnanti, gli chef Alessandro Barbesino e Stefano Cravero. Grazie a un fondo creato dal Rotary di Settimo, il CSF ha poi la possibilità di acquistare gli eventuali ingredienti mancanti per completare le ricette. Contribuiscono anche l’azienda agricola Settimo Miglio e la Peaquin che fornisce i contenitori riciclabili per trasportare il cibo.

Love Food non si ferma qui, perché è anche un progetto di sensibilizzazione: Elisa Masturzo di Casa Betania e Luca Tuori della Gioventù Operaia Cristiana propongono ai giovani chef degli incontri di formazione sui temi dell’ecosostenibilità e del recupero. È inoltre un progetto di inclusione sociale, che vede il coinvolgimento di un ragazzo iraniano che, assieme a due tutor, provvederà alla consegna dei pasti caldi alle famiglie. «Love Food è nutrimento per il corpo ma anche per lo spirito per le famiglie, per i volontari della Caritas, per gli studenti e per gli insegnanti, e per tutti noi – afferma Pasquale dell’Aquila, coordinatore della Caritas settimese e ideatore del progetto».

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo