nuovo circo
Spettacolo
NASCE BLUCINQUE/NICE

Il centro di produzione per il “nuovo circo” da Torino all’Europa

La Fondazione Cirko Vertigo ha investito 1,2 milioni per la realizzazione di questo progetto che prevede l’organizzazione di festival e di spettacoli teatrali

Un solo centro di produzione per due stagioni teatrali, cinque festival e una tournée in Italia all’estero: è BlucinQue/Nice, appena nato a Torino e presentato ieri al Teatro Cafè Muller di via Sacchi. Da lì partiranno anche le attività di quindici formazioni artistiche, prodotte o coprodotte dal nuovo centro.

Presentano i promotori: «È il risultato di un progetto che ha reso autonomi due ambiti complementari di attività: da un lato, la produzione degli spettacoli e l’organizzazione di festival e stagioni teatrali; dall’altro, l’alta formazione e cura di iniziative che vanno oltre confine».

Così la Fondazione Cirko Vertigo ha investito per la creazione del centro di produzione e il lancio di un progetto da 1 milione e 200mila euro. Il 60 per cento dei fondi dovrebbero arrivare dal Fondo unico per lo spettacolo, che per la prima volta finanzia anche la produzione di circo contemporaneo. Il resto arriva dagli sponsor privati ma soprattutto dai cinque Comuni che partecipano all’organizzazione, con cui si rinnova anche il partenariato con il circuito Piemonte dal Vivo.

Ma, soprattutto, sarà possibile organizzare eventi di grande livello nei prossimi mesi: si parte ad aprile con il Festival della Reciprocità delle Terre canavesane, che toccherà Agliè, Castellamonte e San Giorgio Canavese nel giro di tre mesi; dal 17 al 22 maggio ci sarà il Nice Festival di Settimo, seguito da quello di Chieri il 25 e il 26 giugno con appendice il 3 luglio; dal 1° al 9 luglio è previsto “Sul filo del circo” a Grugliasco.

«È in via di definizione anche un’edizione puntuale di un Nice Festival Torino sotto forma di edizione antologica dei lavori della compagnia blucinQue», aggiungono dal centro di produzione.

La direzione artistica di blucinQue/Nice è affidata alla coreografa e regista Caterina Mochi Sismondi, fondatrice della compagnia omonima: «Sono felice di intraprendere una nuova sfida che mette al centro blucinQue tra teatro, danza musica e circo contemporaneo, puntando sulla commistione delle discipline. Non solo: da oggi ci apriamo anche a differenti compagnie e spazi per sostenere il lavoro di creazione e un’attenzione particolare ai giovani».

Infatti il nuovo centro di produzione punta a promuovere le arti performative attraverso la creazione, la produzione e la programmazione di spettacoli, cercando legami con le scuole e gli enti locali. Lo scopo di tutto l’investimento è anche creare occupazione in un settore piegato da due anni di pandemia: «Abbiamo già messo a punto importanti collaborazioni e accordi di partenariato, pur mantenendo il nucleo centrane nella nostra compagnia – sottolineano da BlucinQue/Nice – Per esempio, sosteniamo nuove realtà artistiche emergenti come Duo Kaos, Collettivo 6Tu e Fondazione Cirko Vertigo: l’obiettivo è renderle autonome alla fine del triennio 2022-24».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo