Schermata 2017-06-23 alle 08.01.42
Cronaca
Oggi l’assemblea organizzativa alla Cavallerizza

IL CASO. Askatasuna si prepara alla rivolta contro il G7: “Contestare è dovere”

Appello a sindacati di base, studenti e lavoratori. “Non staremo a guardare una messa in scena”

Dopo aver acceso la miccia e scatenato l’inferno in piazza Santa Giulia a difesa della “movida” e contro «stupide regole proibizioniste», l’autonomia annuncia il prossimo bersaglio da colpire: il G7 dell’Industria che porterà a Torino, tra il 26 e il 30 settembre, ministri e capi di Stato. L’appello è stato lanciato a sindacati di base, studenti e lavoratori che questa sera si incontreranno per una prima assemblea organizzativa alla Cavallerizza Reale. L’obiettivo delle manifestazioni sarà quello di contestare «un vertice utile solo ad incrementare le politiche di austerity e di sfruttamento», come si legge nel comunicato del centro sociale Askatasuna, secondo cui «verrà ancora una volta creato un evento e una vetrina volta a giustificare il sistema economico vigente e le sue ingiustizie e iniquità».

Secondo la lunga analisi che accompagna la “chiamata” a scendere in strada degli autonomi, Torino non sarebbe stata scelta a caso, secondo l’analisi dell’autonomia, ma «per consacrare in pompa magna il modello di trasformazione da città industriale a “smart city”» e «per giustificare le attuali politiche del mondo del lavoro e della produzione».

Continua a leggere il giornale in edicola oggi

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo