Alessandro_Alessandra
Il Borghese

Il buon cuore e la politica

Il 20 aprile Alessandro, la sua compagna e i loro tre figli, compreso Cristian che ha appena sei mesi, hanno perso la casa. E sono finiti sul marciapiede: una costante ormai in questa nostra “altra Torino” che vive le proprie tragedie famigliari in un silenzio assordante. Tace la politica, tacciono i servizi sociali. E persino le associazioni caritatevoli fanno quello che possono.

Non per alleviare il dolore di Alessandro ma lui è una delle migliaia di vittime della crisi, della mancanza di lavoro, dell’assenza di prospettive. Poi l’appello disperato, quella fotografia che spezza il cuore, con una famiglia compressa in una vecchia auto azzurra, come ultimo rifugio. Non potevamo restare indifferenti di fronte a questa realtà e allora abbiamo chiesto aiuto a voi, cari lettori. Ci siamo schierati in campo con la nostra onlus Costruire! che già in passato ha aiutato a risolvere casi disperati.

Ora la vicenda di Alessandro e della sua famiglia sta diventando un caso nazionale. Il nostro centralino è diventato rovente, il conto corrente di Costruire! sta raccogliendo fondi. E mani caritatevoli si prodigano da Venezia, Vicenza, Macerata. Persino dalla Repubblica Ceca, grazie a CronacaQui e al suo sito Internet.

È una buona cosa, ma purtroppo altri casi incombono, ci sono famiglie accampate sotto un ponte, altre hanno trovato rifugio in tende protette in qualche modo da teli di nailon raccattati chissà come e chissà dove. L’altra Torino, così sola, così lasciata a se stessa, oggi conta solo sul vostro cuore.

fossati@cronacaqui.it

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo