scale mobili chiuse metro gn
Cronaca
IL CASO

I guai della metro: in 2 anni 3.800 guasti tra scale e ascensori, danni per due milioni

Entro metà aprile la Città provvederà alle riparazioni Foglietta: «Molti disagi sono dovuti alle intemperie»

Scale mobili e ascensori in primis. Senza dimenticare i guasti su tutto il percorso della linea 1. Per la metropolitana i guai non sembrano finire davvero mai. E i numeri snocciolati in Sala Rossa dall’assessore alla Mobilità di Palazzo Civico, Chiara Foglietta, in risposta all’interpellanza presentata dal consigliere di Torino Bellissima, Pino Iannò, paiono un bigliettino da visita davvero preoccupante. Nel 2020 sono stati registrati 1.451 interventi sulle scale mobili e altri 306 sugli ascensori. È andata persino peggio lo scorso anno con 1.571 guasti alle scale e 496 sugli ascensori. Per un totale di circa 3.800 interventi, una media di cinque al giorno numeri alla mano.

LA SITUAZIONE
Facendo oggi un giro per le 23 stazioni della metro tutto risulta molto più chiaro. I maggiori disagi si registrano tra il capolinea di Fermi, a Collegno, e piazza Massaua, con ben cinque scale mobili ancora fuori servizio. Spesso sporche e non sempre nastrate a dovere, almeno in entrata (come a Paradiso). Addirittura due le scale ferme soltanto a Marche, dove entrare e uscire per un disabile risulta piuttosto complicato (pur, in realtà, essendo funzionante l’ascensore). Le seguenti riparazioni verranno effettuate entro la metà di aprile. A Porta Susa, una delle più bersagliate, uno degli ingressi è out, forse vandalizzato, insieme a una scala mobile presente, però, all’interno della stazione. Ancora immobili tutti gli ascensori a Porta Nuova. Dunque chi esce dalla stazione è costretto ad allungare a piedi il percorso per poter raggiungere l’atrio della metro, lungo corso Vittorio. Fuori uso solo un ascensore atrio banchina, a Marconi. Con riparazione prevista nelle prossime ore. Mentre le nuove fermate sembrano, per il momento, reggere l’urto.

CONTO SALATO
«Una situazione preoccupante – ha spiegato Iannò (Torino Bellissima) -. Praticamente i torinesi vivono costantemente tra i disagi. E i numeri lo dimostrano». Per Foglietta le scale mobili del primo tratto della linea 1 della metro «risultano più facilmente soggette alle intemperie (basse temperature, pioggia, sole) e ciò comporta una maggiore usura». Ma numeri alla mano, sempre secondo l’assessore «la disponibilità media delle scale mobili installate presso le stazioni della metropolitana è stata del 95.9%». Intanto i numerosi guasti degli ultimi due anni sono costati, tra la manutenzione ordinaria e quella straordinaria, qualcosa come un milione e 824mila euro. Ben 964mila euro nel 2020 e qualcosa in meno (860mila euro) nel 2021.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo