Finestrella
News
VIA FIESOLE L‘appello della fondazione Farassino per aiutare “La Finestrella”

I guai del centro aggregativo: «Raccolta fondi per salvarlo»

L’obiettivo è quello di riuscire ad acquistare una nuova caldaia prima dell’inverno

«Una nuova caldaia prima dell’inverno». È questa la richiesta dell’associazione di volontariato salesiana Vides Main che dal 2005 gestisce il centro di aggregazione giovanile “La Finestrella” in via Fiesole 19. La struttura, di proprietà comunale, accoglie i bambini del quartiere Vallette dai 6 ai 18 anni, provenienti da situazioni familiari disagiate, proponendo molte attività di supporto scolastico e alfabetizzazione. Progetti educativi realizzati attraverso l’impegno di suor Carmela e di tanti educatori e volontari, in collaborazione con Save the Children, che interessano in media 500 ragazzi a settimana.

A ottobre dello scorso anno però, il vecchio impianto di riscaldamento ha smesso di funzionare e l’associazione non potrà più dare un’alternativa di vita a questi ragazzi di periferia. In soccorso di Vides Main, è intervenuta la fondazione Caterina Farassino che ha deciso di indire una raccolta fondi per «comprare una nuova caldaia in grado di riscaldare i mille metri quadri dell’edificio» spiega la presidentessa della fondazione Valentina Farassino, figlia del celebre cantautore torinese. «L’intento – specifica Farassino – è quello di recuperare, attraverso eventi benefici, concerti e iniziative di vario tipo, i 50mila euro che serviranno, oltre che per installare la nuova caldaia, anche per risistemare il tetto e l’interno della struttura».

Il centro è infatti stato colpito da un raid vandalico a marzo dello scorso anno che ha devastato porte e finestre. E il tetto, nonostante l’intervento di bonifica dell’amianto effettuato dall’associazione nel 2002, ha perso in buona parte l’impermeabilizzazione, e molti pannelli nel controsoffitto sono marciti a causa delle infiltrazioni. Chiunque volesse donare una speranza a questi bambini può contattare direttamente la fondazione Caterina Farassino, effettuando un versamento, o meglio, proponendo un’iniziativa volta alla raccolta dei fondi necessari per poter tenere aperto il centro anche il prossimo inverno.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo