Buche
Cronaca
CIRCOSCRIZIONE 8

I fondi per le buche non bastano e la collina resta una groviera

Appena 500mila euro lordi. E tante strade restano senza lavori

Non sono sufficienti i due milioni e 500mila euro stanziati dalla Città di Torino alle Circoscrizioni per i nuovi lavori di manutenzione straordinaria in programma per il 2023. Una cifra che non copre tutte le magagne dei territori (sebbene alzata di 500mila euro) che ha praticamente costretto le Commissioni circoscrizionali a ragionare attentamente per decidere dove allocare i fondi e a quali aree dare la precedenza.

Ne sa qualcosa la Otto, che negli ultimi mesi ha dovuto realizzare un piano di spesa con appena 500mila euro lordi, una cifra insufficiente per riuscire a portare a termine tutti gli interventi di manutenzione e riqualificazione necessari su un territorio tanto vasto. Fondi tutti destinati ad alcune vie collinari e a un pezzo di corso Dante. «Abbiamo dato parere positivo sulla manutenzione straordinaria – spiega il coordinatore ai Lavori pubblici della 8, Alberto Loi Carta -, ma con forti condizionamenti, chiedendo interventi sui marciapiedi oltre che sulle strade. Crediamo, inoltre, che il nostro ufficio tecnico conoscendo bene la situazione, debba essere interpellato».

Al momento a rimanere scoperte sarebbero principalmente le strade collinari, e in particolar modo strada dei Ronchi, strada comunale Santa Margherita, strada Guido Volante, strada Santa Lucia, viale XXV Aprile e strada del Ponte Verde, senza dimenticare piazza Gran Madre e via Volturno, già protagoniste di svariate segnalazioni. Un numero ritenuto «eccessivo» dalla Circoscrizione, che durante l’ultimo Consiglio ha approvato (ma con molti astenuti) un atto presentato dall’opposizione, con l’obiettivo di portare il problema sulla scrivania dell’amministrazione comunale e domandare una maggiore attenzione sul tema.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo