Gianni Agnelli
Cronaca
DYNASTY

«I conti sono sbagliati»: Margherita vuole tutto il tesoro della famiglia

La figlia dell’Avvocato chiede soldi e posti

La vicenda legata all’eredità di Gianni e Marella Agnelli non si placa, neppure dopo la replica dei legali della Famiglia che hanno bollato l’ultima iniziativa di Margherita come «temeraria». Dall’altro lato, però, i legali di quest’ultima mettono in dubbio la correttezza formale degli atti alla base dell’attuale assetto della “Dicembre”, di cui John detiene il 60%, mentre Lapo e Ginevra il 20% ciascuno. La mossa che adesso potrebbe azzardare Margherita è quella dell’impugnazione della successione della madre: «Se sostenesse che la legge applicabile è quella italiana e non quella svizzera, rivendicherebbe il diritto alla legittima, cioè il 50% dell’asse ereditario di Donna Marella».

Il percorso è in salita, dal momento che la successione della madre si è aperta in Svizzera, dove sono validi i “patti successori” come quello che Margherita firmò nel 2004 rinunciando a ereditare in futuro le quote della madre. Ma quel patto potrebbe non reggere se Donna Marella venisse considerata italiana ai fini successori, secondo le tesi dei legali di Margherita. Se la figlia ribelle impugnasse ora la successione della madre rivendicherebbe, come detto, il diritto alla legittima, cioè il 50% dell’asse ereditario della madre e ciò significherebbe non solo il patrimonio al momento della morte, ma anche le donazioni, dirette o indirette effettuate in vita, pur se risalenti a molti anni prima. Insomma, in questa prospettiva, il patrimonio andrebbe ricalcolato ai valori del 2019.

Potrebbe in sostanza verificarsi un vero e proprio terremoto sugli attuali equilibri. Nelle prossime settimane i vari partecipanti alla partita, in particolare Margherita, scopriranno le carte, per ora assolutamente segrete. Dunque la nuova minuziosa manovra legale rimette in gioco l’eredità dei genitori. E naturalmente al centro del contendere c’è la cassaforte del gruppo, la società “Dicembre”. Si tratta di un “regno” da 30 miliardi di euro che ha numerose aziende quotate in Borsa, a cominciare da Stellantis. Regno a capo del quale c’è il primo degli otto figli di Margherita, John Elkann, 45 anni e, con quote minori, gli altri figli di primo letto. Un assetto che Margherita definirebbe inaccettabile e non solo per questioni di denaro. Queste ultime, semmai, sarebbero il grimaldello che i legali di Margherita utilizzano per giungere ad un negoziato, al termine del quale la figlia dell’Avvocato pretenderebbe che all’interno della “cassaforte” di famiglia fossero rappresentati anche i figli di secondo letto che portano il cognome de Pahlen. Un accordo potrebbe essere trovato, ma come hanno sottolineato i legali Elkan, non potrebbero mai scalzare John dalla maggioranza relativa delle quote di Dicembre.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo