luminarie natale aurora
Cronaca
VIA CUNEO

I comitati pagano le luminarie: «Un progetto unico a Torino»

L’impegno sul quartiere Aurora dell’associazione Arqa: «Un regalo ai cittadini»

Si sono accese domenica (per il terzo anno consecutivo) le luci di Natale nella piccola via Cuneo, nel quartiere Aurora. Il primo anno il progetto è stato reso possibile grazie alla raccolta fondi che ha visto come protagonisti il comitato Ultramondo, Arqa e Revenge Pub, unico locale della via. Con una colletta tra i cittadini che hanno partecipato all’iniziativa. Il secondo anno, invece, le luminarie hanno illuminato via Cuneo grazie all’accesso ai fondi Iren, con i quali sono state illuminate cinque campate.

«Con i soldi avanzati del 2020 volevamo illuminare anche via Bra – racconta l’ex presidente storico di Arqa Vittoriano Taus, 82 anni -, ma per le pratiche, purtroppo, era troppo tardi». Così i fondi sono stati utilizzati quest’anno per illuminare di nuovo via Cuneo con tre festoni, pagati dall’associazione Arqa senza alcuna richiesta di finanziamenti a Circoscrizione 7 e Comune di Torino. E senza nemmeno il bisogno di chiedere un euro ai residenti, per altro già alle prese con i problemi derivanti dalla pandemia. «Un gran bel regalo ai residenti – spiega Taus -. Via Cuneo è una via storica, non solo perché vi è nato Gipo Farassino ma anche per la presenza della Fiat Grandi Motori che ai tempi ospitava 5mila dipendenti tra uomini e donne. Oggi è abbandonata e per noi la sua riqualificazione rimane imprescindibile».

L’idea dell’associazione era quella di collocare festoni a tema, con le poesie di Gipo a contorno «ma mancano i soldi. Chissà se il prossimo anno, con l’aiuto del Comune, si riuscirà a espandere questo nostro progetto».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Sportegolando
LA RUBRICA
Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo