ExBerta
Cronaca
VIA POZZO

I campi da calcio fantasma dell’ex Berta: «Ora servono 10 milioni per il rilancio»

Progetto fermo da 15 anni. Il coordinatore Borelli: «Auspichiamo un recupero urbanistico»

L’ultimo bando per assegnare quella vasta area dimenticata risale ormai a otto anni fa. Parliamo del complesso sportivo Castello di Lucento-ex area Berta di via Pozzo 10, circa 11mila metri quadri di verde e di abbandono. Un terreno su cui i progetti non sono mai mancati, primo fra tutti quello del centro sportivo che prevedeva la collocazione di campi da calcio e calcetto, la ristrutturazione di un edificio di un piano a uso spogliatoi e uffici.

«È un’area ampia ma richiede investimenti pesanti – racconta Mauro Crosio, responsabile regionale impiantistica del Coni -. Ha solo l’ossatura di un impianto sportivo. Gli spogliatoi, per esempio, non ci sono. C’è giusto un fabbricato con un tetto e qualche muro. E nessuna traccia di serramenti. Credo sia necessario un investimento di qualche milione di euro». Tra i cinque e i dieci, con tutta probabilità. Un intervento da ripensare, considerando che il terreno è davvero molto grande e vederlo così abbandonato non è certo il massimo.

Basta fare un giro a piedi, in un panorama sicuramente spettrale, per trovare piccole discariche e un cancello chiuso che fa da contorno ad un’area recintata. Per certi versi impossibile da valicare, a meno che qualcuno non voglia rischiare di farsi male. Tutto intorno aree verdi e fabbriche, compresa l’ex ThyssenKrupp.

«Abbiamo provato a darla in concessione ma non è un’area appetibile – spiega il coordinatore allo Sport della Circoscrizione 5, Luigi Borelli – . Oggi c’è una foresta, chiediamo al Comune che si riprenda l’area e auspichiamo un suo rilancio urbanistico che darebbe solo benefici al territorio». Oggi l’unica buona notizia è rappresentata dalla Green Belt, la pista ciclabile che collegherà il parco della Pellerina con Collegno. Tutto intorno fabbriche-dormitorio e un terreno che coltiva sogni da 15 anni.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo