Antonino Cannavacciuolo
Cronaca
Il riconoscimento

Guida Michelin, 3 stelle a Cannavacciuolo: “Che emozione la tripletta”

La nuova edizione della “Rossa” ha premiato tre volte la star televisiva: “Siamo un bel gruppo. La brigata è pronta a nuove sfide”

La nuova edizione della “Rossa” ha premiato tre volte la star televisiva Antonino  Cannavacciuolo per il suo ristorante a Orta San Giulio, Villa Crespi, che conferma le due stelle Michelin, e ottengono la prima stella Michelin anche i suoi locali più informali: Il Cannavacciulo Cafè e Bistrot con lo chef Vincenzo Manone e il Cannavacciuolo Bistrot a Torino.

“LA TRIPLETTA E’ EMOZIONANTE”
La tripletta è emozionante. Fin da piccolo uno chef vede la stella. Faccio questo lavoro dal 1997, all’inizio le stelle ti sembrano lontane, ora sono qui e sono tre. A Villa Crespi che quest’anno ha raggiunto il traguardo dei 20 anni, a ai Cannavacciuolo Bistrot a Torino e a Novara” spiega Cannavacciuolo, che poi prosegue: “Siamo un bel gruppo, in tutto 170 persone  con una cinquantina di ragazzi, giacche bianche, che hanno voglia di fare, e che sono ben affiancati da due grandi chef di sala: a Torino Pino Savoia e a Novara Dario Dalmonte”.

“PRONTI A NUOVE SFIDE”
A mio padre che ha chiamato per le congratulazioni, racconta Cannavacciuolo ho detto che i riconoscimenti nella ‘rossa’ sono un altro punto di partenza per fare meglio. Già la brigata è pronta a nuove sfide”. La star televisiva oggi volutamente non ha partecipato alla Michelin Star Revelation 2019 all’Auditorium per non mettere in ombra il lavoro degli chef Vincenzo Manicone al Cannavacciuolo Cafè e Bistrot a Novara e quello di Nicola Somma a Torino. “E’ il loro momento” ha detto Antonino che e’ in arrivo a Parma per festeggiare stasera con i ragazzi; Ho lavorato fino ad ora ma vengo di corsa a Parma perché voglio abbracciarli”, ha annunciato.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo