I laghetti della Falchera in una foto di repertorio
News
FALCHERA Al via il bando per i 120 nuovi terreni a disposizione del quartiere

Gli orti tornano ai residenti: il parco sarà realtà in estate

Il progetto prevede due specchi d’acqua, 850 nuovi alberi, Club house e spiaggia

Dal 2013 attendono di poter riavere indietro gli orti, “espropriati” dal Comune di Torino nell’ottica del progetto di riqualificazione dei laghetti di Falchera. E questo sogno sarà realtà entro la prossima estate. Come ha raccontato ieri pomeriggio la circoscrizione Sei, in un incontro aperto presso la biblioteca Don Milani. La presidente, Carlotta Salerno, e la coordinatrice all’Ambiente, Valentina Ciappina, hanno spiegato le linee guida necessarie per gestire un orto urbano.

«Abbiamo anche spiegato – spiega Salerno – quali saranno i requisiti necessari per accedere al bando. Il regolamento sugli orti urbani passerà a breve in consiglio, per il bando bisognerà aspettare fine mese». Gli orti saranno un totale di 120, più altri 16 da destinare in caso di necessità. «Solo se arriveranno richieste aggiuntive» continua Salerno.

I primi ad entrare nel gigantesco parco da 43 ettari che nascerà attorno ai laghetti di Falchera saranno, quindi, i piccoli contadini. Od ortolani che dir si voglia. Ognuno degli assegnatari avrà una casetta in muratura, per gli attrezzi. Tutto il gruppo avrà i servizi igienici e l’impianto idrico a norma. Il cantiere del parco, invece, finirà entro la prossima estate. Forse anche prima. I lavori, infatti, stanno procedendo a gonfie vele.

«Sarà un parco grande quanto il Valentino» raccontano entusiasti i residenti del quartiere Falchera. Con 850 nuovi alberi e due specchi d’acqua che potranno anche essere navigati da canoe e pedalò. I laghetti saranno collegati da una passerella, avranno una spiaggia declinante sull’acqua dove si potrà prendere il sole, gestita da una «Club house».

«Il Parco dei Laghetti Falchera – concludono Salerno e Ciappina – è il frutto di un percorso lungo vent’anni. Nel 2015 il progetto è diventato finalmente esecutivo e sono partiti i lavori; gli orti urbani saranno dunque il primo risultato di questo grande intervento. Oggi abbiamo incontrato i cittadini per raccontare loro il percorso e comunicare i passi successivi».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo