villa abbandonata caduta
Cronaca
LA LOGGIA

Gioca nella villa abbandonata: un 14enne precipita dal tetto

Villa Carpeneto è stata la residenza dei conti Rossi di Montelera

Doveva essere un gioco. Poteva trasformarsi in una tragedia. E per uno dei ragazzini che domenica pomeriggio è entrato di nascosto dentro Villa Carpeneto, in via Belli, a La Loggia, mai fortuna è stata più benevola. È caduto da un’altezza di tre metri, mentre passeggiava al quarto piano dell’antica villa. Fino a che il pavimento sotto i suoi piedi ha ceduto e lui è precipitato. Inghiottito da una botola con scala telescopia. Da quanto si apprende si è “solorotto una gamba, ma sicuramente poteva finire molto peggio.

Lo scenario è sempre lo stesso: un gruppo di ragazzini in cerca di avventura che, forse un po’ per noia forse un po’ per sfidarsi con prove di coraggio, decide di entrare nella struttura semiabbandonata. Una villa settecentesca, Villa Carpeneto, che da tempo l’Amministrazione comunale ha nei piani di acquisire e per la quale c’è già un progetto di restituzione alla cittadinanza. Un percorso complesso poiché lo stabile, appartenuto a notabili di casa Savoia e poi passato ai conti Rossi di Monetelera, è di proprietà di una società svizzera e da molti anni versa in uno stato di incuria e abbandono. Tre anni fa è stata messa in vendita per circa tre milioni di euro. Un luogo ricco di fascino per la sua facciata, per gli stucchi che ancora sono presenti all’interno, il giardino circostante e il viale di accesso in cui un tempo i loggesi passeggiavano. E ricco di mistero per i ragazzini. Così domenica il gruppo vi si è introdotto, nonostante il muro di cinta e le cancellature in metallo che impediscono l’accesso, è salito sino al quarto piano e ha cominciato a camminare. La struttura marcia non ha retto ed è crollata portandosi dietro il 14enne, Samuel B. Sono stati gli amici spaventati a chiamare i soccorsi. Sul posto sono arrivati la Croce Rossa e i vigili del fuoco, ma per tirare fuori il ragazzo ci è voluto l’elisoccorso del 118 con il verricello.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo