giardinetti
News
VIA CARSO

Il giardino torna a essere dormitorio. «Il piano anti degrado è da rivedere»

Secondo Fdi: «Pochi interventi realizzati con 70mila euro». Troise: «Non è stato abbattuto un solo muro»

Per abbattere i muretti trasformati in stanze del buco a cielo aperto, la Città – nel 2015 – aveva optato per un piano di rilancio dei giardinetti di via Carso, in zona San Paolo. Un progetto da 70mila euro, figlio di raccolte firme e polemiche sollevate negli anni dai cittadini della zona. Stufi di avere a che fare, soprattutto d’estate, con ubriachi, tossici e clochard. A distanza di cinque anni dall’intervento la musica sembra cambiata soltanto in parte. È bastato un sopralluogo nell’area verde per imbattersi in una serie di criticità, evidentemente dure da risolvere. All’ingresso del giardino, per esempio, capita di imbattersi in qualche disperato che dorme (ben coperto, visto il freddo). E in lungo e in largo, per il giardino, non mancano mai sporcizia, qualche cartoccio di vino, lattine e persino una bottiglia di quelle utilizzate per fumare il crack. Nessuna traccia di bambini.

+++ CONTINUA A LEGGERE IL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo