Il bar-trattoria Arditè dove il 60enne ha dato l'allarme
News
E’ accaduto in un casolare di via Talucco a San Pietro Val Lemina

Sorprende il ladro nell’orto e viene pestato a sangue, 60enne è grave al Cto

Lacero e dolorante, l’uomo è balzato in auto e ha raggiunto una vicina trattoria dove ha dato l’allarme

E’ stato massacrato di botte, forse picchiato con un bastone e addirittura, sembra, accoltellato. Lacero e sanguinante, ha trovato la forza di balzare in auto e di guidare fino ad un vicino locale dove poi ha dato l’allarme. E’ successo questa mattina, poco dopo le 11, a San Pietro Val Lemina nel Torinese.

LA VITTIMA E’ UN 60ENNE DI PINEROLO
La vittima del pestaggio, Giuseppe Conti, 60 anni, originario di Pinerolo, è stata soccorsa dai “camici bianchi” del 118 ed accompagnata in elicottero al Cto di Torino dove ora si trova ricoverata, in gravi condizioni.

L’UOMO CHIEDE AIUTO ALLA TITOLARE DI UN BAR-TRATTORIA
Agli avventori del bar-trattoria Arditè di via Europa, dove si è presentato, con diverse ferite da taglio sul corpo, l’uomo ha raccontato di essere stato aggredito da uno sconosciuto, probabilmente un ladro, che aveva “incontrato” nell’orto della sua baracca di montagna, lungo la strada per il Talucco.

LO SCONOSCIUTO SI SCAGLIA ADDOSSO A LUI
A quanto pare il pensionato di Pinerolo aveva appena aperto il capanno degli attrezzi quando si è imbattuto nel malvivente. Vistosi evidentemente scoperto, il balordo, che con ogni probabilità era lì per commettere un furto (ma questo saranno le indagini ad appurarlo), si è scagliato contro il 60enne colpendolo ripetutamente e duramente al volto. “Non so chi sia e nemmeno perché mi abbia pestato” ha sussurrato con un filo di voce il malcapitato.

LA TITOLARE DEL BAR TRATTORIA CHIAMA I SOCCORSI
E’ stata la titolare del bar-trattoria Arditè, Patrizia Grangetto, a chiamare il 118 e ad allertare i carabinieri. “Era una maschera di sangue – ha detto la donna – quell’uomo ha raccontato dell’aggressione e allora non ho perso tempo ed ho chiamato i soccorsi”.

CARABINIERI FERMANO DUE SOSPETTI
I militari del locale distaccamento dell’Arma non si sono fatti attendere e, una volta sul posto, hanno subito avviato la macchina delle indagini. Sulla strada di borgata Talucco i carabinieri hanno “visionato” la scena del crimine poi sono passati all’azione. A quanto pare due uomini che potrebbero essere coinvolti nella vicenda, sarebbero già stati individuati e fermati. Uno dei due vivrebbe abitualmente vive nei boschi e dormirebbe nelle baracche.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo