MISTERO IN FAMIGLIA

I genitori scomparsi Il figlio è sospettato. «Non sono un killer»

Sangue e acqua ossigenata: sono questi, insieme agli spostamenti, gli elementi chiave intorno a cui ruota l’ inchiesta coordinata dai pm Igor Secco e Federica Iovene. La procura di Bolzano è ormai certa che Peter Neumair e Laura Perselli siano stati uccisi e i loro corpi gettati nel fiume dal figlio Benno Neumair che lunedì è stato iscritto nel registro degli indagati con l’ accusa di duplice omicidio e occultamento di cadavere. Le ragioni del gesto sarebbero da ricercare in un conflitto familiare: da quando era rientrato nell’ appartamento di via Castel Roncolo 22, i rapporti tra Benno e i genitori si erano guastati. Ed è lì che, sempre secondo gli inquirenti, sarebbe maturato il delitto. Uno dei reperti più importanti è un flacone di acqua ossigenata. Quasi un litro. L’ideale se si volesse far sparire delle macchie di sangue. L’ ha acquistata Benno Neumair qualche giorno dopo la scomparsa dei genitori in un negozio specializzato nella vendita all’ingrosso di protti per la pulizia. Il perché non è ancora chiaro, ma secondo gli inquirenti si tratta di un indizio chiave: con l’ acqua ossigenata infatti il giovane istruttore di fitness indagato per l’omicidio dei genitori e occultamento di cadavere, avrebbe cercato di cancellare le tracce ematiche dall’auto dei genitori. Lunedì 4 gennaio si sono perse le tracce di Peter Neumair e Laura Perselli. Il figlio Benno, che ne ha denunciato la scomparsa il 5 gennaio nel primo pomeriggio, è stato l’ ultimo a vederli è stato fin dall’inizio sospettato. Da quel momento in poi i carabinieri hanno seguito ogni sua mossa in attesa che facesse un passo falso. Il giovane però ha collaborato con gli inquirenti mostrando loro la casa e conducendo i carabinieri sul Renon, sui sentieri abitualmente frequentati dai genitori sull’altopiano. La svolta sarebbe avvenuta una settimana fa, quando il giovane si è recato a lavare l’auto in un autolavaggio della zona industriale. Un attimo prima che la macchina entrasse nel tunnel del lavaggio sono intervenuti i carabinieri che hanno bloccato Benno.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single