gatti abbandonati
News
VIA GERMAGNANO

Gatti abbandonati dagli zingari: nel campo rom ne spuntano 42

Il Comune di Torino amplierà un’area di strada Cuorgnè per ospitarli

Il numero di “trovatelli” sta superando ogni più rosea aspettativa e così il Comune di Torino ha cominciato a studiare un piano B: l’ampliamento del gattile del canile rifugio di strada Cuorgnè. In una sola settimana, dopo la demolizione delle baracche e l’allontanamento delle famiglie ospiti, sono stati catturati dentro l’ex campo nomadi abusivo di via Germagnano ben 42 gatti. Senza contare tre cani, dieci galline e sette pulcini. Insomma numeri rilevanti. «Catturarli non è facilissimo – spiegano dall’assessorato all’Ambiente – perché quando mettiamo le gabbie trappola, il cibo finisce per attirare anche i topi. E poi c’è il problema cantieri, gatti e galline scappano a causa del via vai delle ruspe e prenderli non è un’impresa semplice».

LE ADOZIONI
Quando i gatti vengono catturati, transitano subito dal vicino sanitario. E dopo una decina di giorni vengono trasferiti al canile rifugio di strada Cuorgnè, in attesa di trovare una famiglia che li adotti. Il micio pronto per trovare una nuova casa viene segnalato anche sulla pagina Facebook del canile municipale.

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo