belotti-gallo
Sport
QUI TORO

«Gallo, resti con noi?». Belotti non risponde ai tifosi davanti al Fila

Il capitano è tornato ad allenarsi con il gruppo

Si riparte dal Filadelfia, là dove Ivan Juric trovò la squadra lo scorso 6 luglio nel giorno del raduno. Nel frattempo, è passato quasi un mese e il tecnico ha abbracciato Berisha, Pjaca e Warming, oltre al primo colloquio con Andrea Belotti. Già, perché il Gallo ha rimesso piede nel quartier generale da campione d’Europa, dopo le vacanze extra e le visite mediche svolte nella giornata di lunedì.

Ieri è stato tra i primi ad entrare al Filadelfia, erano le 16.45, e si è dimostrato disponibile con i tifosi presenti. Erano una decina scarsa, uno di questi ha provato anche a fargli la fatidica domanda: «Gallo, ma resti con noi?». L’attaccante ha fatto finta di non sentire, continuando con foto e autografi prima di scendere la rampa verso il garage sul lato di via Spano. Nessuna risposta e nessun cenno, segno che le riflessioni sono in atto e che, probabilmente, non sono ancora terminate. Dal club non si vuole sbilanciare nessuno, il giocatore si è preso del tempo, Juric freme per avere una decisione definitiva. E Sirigu, presentato ufficialmente come nuovo giocatore del Genoa, ha commentato così la situazione: «Non mi permetto di dargli consigli, io gli ho sempre detto di essere felice e di non prendersi troppe responsabilità – ha detto l’ex portiere granata – e deve fare la scelta migliore per lui: posso assicurare che è innamorato del Toro, ma non so cosa gli passi per la testa».

E, sul fronte offerte, non si muove nulla, con lo Zenit San Pietroburgo e il Siviglia che provano a fare l’occhiolino a Belotti e, dall’Italia, con la pista Fiorentina che potrebbe scaldarsi soltanto in caso di addio di Dusan Vlahovic. Si resta in una situazione di impasse, mentre da via Arcivescovado provano ad insistere con il Bologna per Riccardo Orsolini. Anche in questo caso, però, le strade rischiano di incrociarsi con la Fiorentina: pure i viola puntano sull’esterno classe 1997, una manovra che fa “sorridere” i felsinei che possono scatenare una sorta di asta con base di partenza da dieci milioni di euro.

Dalla Germania, invece, arriva il nome nuovo in chiave granata. Sarebbe Josip Brekalo, croato classe 1998 di proprietà del Wolfsburg, il cui cartellino vale non meno di 15 milioni di euro. Nell’ultima stagione ha realizzato sette reti in 33 presenze collettive, può essere l’alternativa ad Orsolini perché può agire su entrambe le fasce del fronte offensivo, proprio come vorrebbe Juric per scatenare la qualità sulla trequarti. Al momento, però, le voci provenienti dalla Germania non hanno trovato grandi riscontri in Italia. Infine, oggi per il gruppo squadra sarà il giorno del richiamo del vaccino: i vari tesserati, infatti, riceveranno la seconda dose e completeranno così il ciclo vaccinale.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo