26.10.21, Serie A 9a Giornata - MILAN-TORINO nella foto Andrea BELOTTI, Alessio ROMAGNOLI
Sport
A 66 GIORNI DAL KO

Gallo, il futuro è adesso: Belotti punta il derby e poi un finale al top

Può già cominciare a trovarsi una nuova sistemazione, ma prima di tutto Andrea Belotti vuole ritrovare il campo. La sua assenza è diventata sempre meno rumorosa, anche perché nel frattempo il Toro ha cominciato a far risultati fino a sfiorare la zona Europa, eppure in infermeria continua ad esserci quello che fino a pochi mesi fa era il giocatore più rappresentativo. Oggi sono 66 giorni esatti dall’infortunio: era il 28 novembre 2021, all’Olimpico di Roma il Gallo si procurò una brutta e dolorosa lesione muscolare dalla quale non è ancora pienamente guarito. In questi giorni, infatti, sta proseguendo nel lavoro differenziato, con la tabella ad hoc preparata dallo staff medico che prevede ancora allenamenti personalizzati. «Non so se riusciremo a recuperarlo per Udine» diceva il tecnico Juric prima della sosta, le sensazioni sono state confermate. Belotti salterà anche la trasferta in Friuli, poi si vedrà: le tappe successive prevedono il Venezia, in programma sabato 12 febbraio, e il derby contro la Juve, fissato per venerdì 18. Oggi cominciano i 17 giorni che separano i granata dai bianconeri, che dividono il Gallo da quella che sarà la sua ultima stracittadina. L’addio si sta avvicinando, Belotti punta a chiudere in bellezza anche per strappare un contratto ancora più ricco dal club in cui approderà, che al momento sembra il Milan ma ancora non ci sono certezze. L’obiettivo del capitano è quello di andare almeno in panchina per la partitissima contro la Juve, ma saranno soltanto i prossimi giorni di lavori al Fila a dare le risposte definitive.

Intanto, la squadra sta aumentando i carichi per la ripresa del campionato, con la trasferta alla Dacia Arena che nasconde insidie. E poi mancherà uno dei pilastri della squadra, con Gleison Bremer costretto a saltare il confronto con Beto a causa del turno di squalifica da scontare. Per prendere il posto del brasiliano scalpita Buongiorno, mentre Zima e Rodriguez hanno dato buone garanzie e possono essere confermati nel terzetto davanti a MilinkovicSavic. Primi giorni di lavori anche per gli ultimi arrivati, Ricci e Seck oltre a Pellegri: saranno armi in più per Juric durante la seconda parte di stagione.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo