I manichini impiccati di Renzi e Poletti [foto tratta dalla pagina Facebook Torino ReSet G7]
News
ALTA TENSIONE

G7 A VENARIA. Protesta shock davanti alla Reggia: decapitati i manichini di Renzi e Poletti. Appendino: “Gesto da condannare” [VIDEO]

L’azione è stata rivendicata da “ReSet G7”. I carabinieri hanno identificato quindici persone

Il G7 su Industria, Lavoro e Scienza, in programma a Venaria Reale, è ormai alle porte. E, ieri è andata in scena una protesta shock da parte di una ventina di persona, molte delle quali appartenenti al centro sociale torinese Askatasuna.

DECAPITATI I MANICHINI DI POLETTI E RENZI
Davanti a una folla incuriosita e al grido di “Ghigliottina a chi affama il popolo“, sono stati decapitati, proprio all’ingresso del complesso museale della Reggia, i manichini del ministro Giuliano Poletti e del segretario del Pd (ed ex premier) Matteo Renzi. L’azione è stata poi rivendicata da “ReSet G7”, sigla che accorpa tutti coloro che si oppongono al vertice. Sul posto sono arrivati i carabinieri che hanno identificato quindici manifestanti.

IL VIDEO:

APPENDINO: GESTO DA CONDANNARE
“Non posso che condannare quanto accaduto” è stato il commento del sindaco di Torino Chiara Appendino, a margine della commissione consiliare sulla riorganizzazione delle partecipazioni comunali. “Sono certa – ha aggiunto il primo cittadino – che quello che abbiamo visto ieri a Venaria non rappresenta in alcun modo le ragioni di una legittima protesta”.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo