IL CASO Giro di vite del Comune per via Germagnano

Furti e raid vandalici: l’ora dello sgombero per gli zingari abusivi

Rimossi i rifiuti sotto al ponte dell’autostrada. Dentro il campo resistono ancora 50 persone

«Appiccavano incendi ai rifiuti, rubavano la corrente elettrica e per finire hanno anche danneggiato la rete pubblica. Inoltre l’area è sotto sequestro giudiziario da anni e come via Reiss Romoli presto verrà sgomberata». Non usa mezzi termini il comandante della polizia municipale, Emiliano Bezzon, per descrivere alla consigliera comunale del Pd Elide Tisi (presentatrice dell’interpellanza) i nodi al pettine del campo nomadi abusivo di via Germagnano. Lo sgombero della baraccopoli al civico 10, comunicano da Palazzo Civico, è ufficialmente al giro di boa. Nelle scorse settimane, come promesso in tempi non sospetti dall’assessore all’Ambiente della Città Alberto Unia, sono stati rimossi alcuni dei rifiuti accumulati negli anni tra i pilastri del ponte sul torrente stura, a due passi dal raccordo autostradale Torino-Caselle. «Una prima parte della pulizia – spiega Unia – per creare un percorso tra il campo e il fiume. Abbiamo cancellato alcune tonnellate, proseguiremo nei prossimi giorni».

+++ CONTINUA A LEGGERE NEL GIORNALE IN EDICOLA OGGI +++

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single