arrestato
Cronaca
COLPI ANCHE NEL VERBANO

Furti nei negozi di telefonia: sgominata la gang delle spaccate

Eseguite cinque misure cautelari e un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria

Cinque misure cautelari e un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Ad eseguirle, nei confronti di un gruppo di romeni, stabilmente residenti a Milano e accusati di una serie di furti aggravati tra il Piemonte (il Verbano) e la Lombardia, gli agenti della Polstato di Verbano Cusio Ossola. Due destinatari delle misure risultano ancora ricercati mentre tre sono già detenuti per altri reati e uno è estradato in un Paese estero

LE INDAGINI DELLA MOBILE
Le indagini, alle quali hanno lavorato a lungo gli uomini della Squadra mobile, hanno preso avvio nell’aprile 2019 dopo alcuni furti messi a segno in negozi per la vendita di articoli di telefonia e di materiale fotografico: gli episodi, secondo quanto reso noto dagli investigatori, vedevano entrare in azione un corposo gruppo di giovani.

LA GANG ERA VIOLENTA
La gang agiva con una violenza inaudita. Dotati di mazze ferrate e palanchini, i balordi sfondavano i vetri delle porte di accesso agli esercizi commerciali, si introducevano nelle aree di vendita e qui razziavano, in pochi minuti, tutto ciò che era esposto o custodito.

RAID IMMORTALATI DALLE TELECAMERE
Più di un “raid” si era verificato sotto l’occhio delle telecamere di sorveglianza a circuito chiuso dei negozi, testimonianza del particolare accanimento e della sfrontatezza con cui agivano i responsabili, i quali se ne infischiavano dell’azionamento dei sistemi di allarme.

LE ZONE DEI COLPI
Gli agenti hanno individuato i componenti della “banda”, dimostratisi particolarmente attivi sull’asse delle autostrade Torino-Venezia e dei Laghi, in varie località del Piemonte, della Lombardia e del Veneto.

FUGHE ROCAMBOLESCHE
I malviventi, secondo quanto spiegato dagli investigatori, si sono resi protagonisti anche di diverse rocambolesche fughe, durante gli inseguimenti, arrivando persino a lanciarsi sull’asfalto dell’autostrada vetture in corsa lasciate senza controllo.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo