Fonte: Depositphotos
Cronaca
IL FATTO

Furti ai danni di automobilisti tra Ivrea e Banchette: due arresti

Un 36enne ed un 39enne (suo complice) si sono resi responsabili di almeno sette furti nell’arco di tre anni

Effettuavano furti ai danni di automobilisti nella zona di Ivrea e Banchette: arrestati due uomini, un marocchino di 36 anni ed un 39enne italiano di origini magrebine, che si sono resi responsabili di almeno sette furti nell’arco di tre anni.

FURTI AD AUTO PARCHEGGIATE
I malviventi si posizionavano presso gli esercizi commerciali e prendevano di mira le auto parcheggiate, spesso bucando le ruote delle vetture. I proprietari del mezzo, impegnati quindi nella sostituzione dello pneumatico, subivano inoltre il furto di borselli, giacche contenenti portafogli, carte di credito, bancomat e denaro contante all’interno.

RUBANO CARTE DI CREDITO E SPENDONO I SOLDI
In una occasione, nel breve arco temporale di 4 ore, i due complici erano riusciti a spendere ben 5000 euro utilizzando fraudolentemente le carte di credito di una delle vittime nei comuni di Torino, Chivasso ed Ivrea. Gli acquisti prevalentemente effettuati, oltre ad importanti prelievi di denaro contante, riguardavano beni di lusso, quali scooter, cellulari, gioielli ed articoli sportivi.

LE INDAGINI
L’attività di indagine ha avuto una importante accelerazione a seguito di riscontri ottenuti tramite le immagini di videosorveglianza di alcuni esercizi commerciali da parte degli investigatori del Commissariato di Ivrea: riusciti a risalire alla targa parziale dell’auto coinvolta nei reati e da qui al proprietario, il cittadino marocchino di 36 anni, ed anche a colui che effettivamente aveva in uso il mezzo, il cognato di 39 anni.

IDENTIFICATI ED ARRESTATI
L’Autorità Giudiziaria del Tribunale di Ivrea ha emesso in data 26 ottobre, per entrambi, ordinanza di custodia cautelare in carcere per furto aggravato, danneggiamento aggravato, e indebito utilizzo di carte di credito. Il 39enne, che ha precedenti di polizia, domiciliato a Rivarolo Canavese, è stato tratto in arresto il 29 Ottobre da personale della Squadra Volanti del capoluogo torinese presso un albergo del centro città. Il complice è stato identificato lo scorso 15 Novembre durante attività dell’arma dei Carabinieri, Stazione di Torino Borgo San Salvario, in via Belfiore e tratto da questi ultimi in arresto in esecuzione del provvedimento restrittivo.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo