furbetti del cartellino
Cronaca
E’ successo nell’Astigiano

FURBETTI DEL CARTELLINO. Nei guai comandante e agente della polizia municipale di Villanova [VIDEO]

Il vigile timbrava il suo cartellino per poi recarsi a lavoro un’ora dopo. Quindi copriva anche il suo capo, che si presentava in ufficio ancora più tardi perché residente a Torino

Scoperti due furbetti del cartellino a Villanova, nell’Astigiano. Si tratta del comandante della polizia municipale e di un agente. Quest’ultimo timbrava il suo cartellino per poi recarsi a lavoro un’ora dopo; quindi passava al badge del suo superiore, che si presentava in ufficio anche due ore dopo l’inizio del turno perché residente a Torino.

IL VIDEO:

Secondo quanto riferisce dalla Guardia di Finanza, il trucco del cartellino si protraeva da circa due anni. Le indagini hanno accerto “l’esistenza di un’abituale e sistematica condotta illecita realizzata mediante false certificazioni delle presenze giornaliere in servizio al fine di far risultare la presenza dei pubblici ufficiali sul luogo di lavoro, quando, in realtà, erano assenti”.

Su mandato della procura astigiana, le fiamme gialle hanno notificato al comandante un divieto di dimora fuori dal Comune di Torino per il reato di truffa aggravata. Indagato, in concorso, il collega agente. I loro uffici sono stati perquisiti.

La Finanza fa sapere che “il danno complessivo causato dai due pubblici ufficiali alle casse dello Stato, per indebita percezione della retribuzione, è pari a circa 4.900 euro, addebitabili per 4.600 al comandante per circa 166 ore di lavoro non prestate e per la restante somma all’agente per 16 ore di lavoro pure non effettuate”.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo