af192aa-5
Cronaca
IL RIEPILOGO DELLE OPERAZIONI

Funivia del Mottarone, la rimozione della cabina precipitata [FOTO e VIDEO]

Due elicotteri hanno sollevato parte dei rottami. Il procuratore di Verbania: “Momento doloroso”

È terminata intorno alle 13 l’operazione dei vigili del fuoco per il recupero della cabina precipitata il 23 maggio scorso sulla funivia del Mottarone.

DUE ELICOTTERI SUL POSTO IN MATTINATA
L’intervento è stato avviato intorno alle 10 stamattina, con il trasporto a valle fatto con l’elicottero S64 “Cochise” di stanza nell’aeroporto di Cuneo, mentre quelli secondari con l’elicottero AW139 del reparto volo di Malpensa. Impegnati 35 vigili del fuoco, coordinati dal comandante provinciale Roberto Marchioni, tra specialisti in manovre su corda, piloti dei due velivoli, esperti motoristi di bordo e squadre ordinarie.

 

L’OPERAZIONE NEL DETTAGLIO
Prelevata nel punto dell’incidente, la cabina è stata depositata nel vicino campo sportivo di Gignese, da dove sarà trasferita via terra con un autoarticolato dei vigili del fuoco in un capannone individuato a Fondo Toce. Dall’11 ottobre si è proceduto dapprima alla immobilizzazione di tutti i componenti della cabina, anche per tutelare le esigenze peritali. Successivamente è stato separato il corpo della cabina stessa dalla struttura in sospensione, immobilizzando il carrello principale, liberato con il taglio del tronco dell’albero nel quale si era conficcato durante la caduta.  Irrigidita tramite strutture metalliche realizzate sul posto, la cabina è stata preparata per il trasporto, proteggendo le componenti idrauliche ed elettriche con coperture in materiale plastico.

SUL POSTO IL PROCURATORE DI VERBANIA
Sul posto anche il procuratore di Verbania, Olimpia Bossi, che sta assistendo alle operazioni: “E’ un momento doloroso, nessuno di noi può dimenticare quella giornata – ha detto ai giornalisti presenti -. Ora si procederà con la fase più importante dell’indagine”.

I VIDEO DELLE OPERAZIONI

(foto e video, fonte: vigilfuoco.tv)

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo