Schermata 2017-10-05 alle 08.25.22
News
SALBERTRAND

Fuga di gas nel tunnel del Frejus. Linea bloccata per un treno merci

Mattinata di passione per i viaggiatori della Torino-Bardonecchia. Coinvolti 8 convogli

Caos nel traffico ferroviario ieri a causa di un treno merci che ha perso sostanze chimiche dalle cisterne all’interno del tunnel del Frejus. Per fortuna non ci sono stati intossicati ma la linea è rimasta bloccata per due.

L’odore fastidioso era ben avvertibile anche nella stazione ferroviaria di Salbertrand, dove è stato trainato il treno merci dopo lo stop in galleria. Il treno merci, proveniente dalla Francia, ha disperso lungo la sua corsa una quantità indefinita di sostanze chimiche tossiche e infiammabili, anche se per fortuna la perdita trovata dai vigili del fuoco del nucleo Nbcr era comunque piccola.

L’allarme è scattato all’interno del Frejus, dove il treno si era bloccato per un altro guasto. È stato in quel momento che la presenza del gas è stata avvertita prima dagli operatori e poi confermata dagli strumenti. Il treno è stato quindi portato fino in stazione a Salbertrand, temporaneamente chiusa per permettere ai vigili del fuoco di completare l’intervento emettere in sicurezza il convoglio.

Il traffico è stato poi riaperto gradualmente intorno alle 12. «Il nostro personale ieri mattina ha riscontrato una perdita di materiale tossico proveniente da un treno merci in transito – spiegano da Rfi -, dunque è stata interrotta precauzionalmente la linea tra Bussoleno e Bardonecchia mettendo a disposizione un servizio di bus per i passeggeri. Una volta ricevuto il nulla osta dai vigili fuoco che hanno controllato il traforo del Frejus per verificare la quantità di vapore che si è accumulato lungo la galleria, abbiamo riaperto la linea intorno alle ore 13». L’interruzione del traffico ha coinvolto 6 treni regionali e due internazionali. In un primo momento gli addetti ai lavori hanno pensato inoltre di evacuare il vicino ospizio “Casa Galambra” per tutelare la sicurezza degli anziani ospiti ma per fortuna non è stato necessario.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo