truffa online
Cronaca
I dati dell’Osservatorio Crif

Frodi creditizie e truffe online: in aumento i casi a Torino, Cuneo e Alessandria. Piemonte al settimo posto

La tipologia prevalente di beni acquistati con un finanziamento ottenuto in modo fraudolento si conferma quella degli elettrodomestici. In crescita l’incidenza delle vittime di età medio bassa

Frodi creditizie e truffe online sono in aumento. Sono stati 566 i casi registrati in Piemonte nel primo semestre 2017, dato che posiziona la regione al settimo posto della graduatoria nazionale, alle spalle di Sicilia (2.021 casi), Campania (1.798 casi), Puglia (1.261 casi), Lombardia (1.106 casi), Lazio (951 casi) e Emilia Romagna (588 casi).

I DATI DELL’OSSERVATORIO CRIF
I dati sono dell’Osservatorio Crif. A livello provinciale, il maggior numero di frodi creditizie è stato registrato nella provincia di Torino, con 314 casi (settimo posto nel ranking nazionale), in sensibile aumento rispetto ai 273 casi della rilevazione di un anno fa.

I CASI CUNEO E ALESSANDRIA
La seconda provincia piemontese per numero di frodi è Cuneo con 60 casi (cinquantesima posizione), seguita da Alessandria, con 51 casi. Biella, invece, si posiziona all’estremo opposto della classifica regionale, con soli 12 frodi rilevate nei primi 6 mesi dell’anno in corso.

FINANZIAMENTI PER ELETTRODOMESTICI
La tipologia prevalente di beni acquistati con un finanziamento ottenuto in modo fraudolento si conferma in Italia quella degli elettrodomestici, che arrivano a spiegare il 38% dei casi. Al secondo posto le auto e moto, che arrivano a pesare per il 9,1% sul totale, seguita dalle spese per immobili e ristrutturazioni (8,4%).

TIRA ANCHE IL SETTORE ESTETICO
Costante aumento dei casi che hanno come oggetto l’acquisto di trattamenti estetici/medici (+12,2%, anche se si fermano al 4,2% del totale). In crescita l’incidenza delle vittime di età medio bassa.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo