ForteExilles
Spettacolo
EXILLES

Forte di Exilles riapre le porte: mostre e concerti per l’estate

L’utilizzo del maniero da parte di Comune e Regione anche per i prossimi anni

Un nuovo accordo tra Regione e Comune di Exilles per poter utilizzare in maniera completa il Forte nel periodo estivo. È quanto stabilito dall’ultima deliberazione approvata dall’ente nei giorni scorsi. Un passo in avanti verso un uso concreto dello storico edificio, di proprietà regionale, già in passato oggetto di altri accordi proprio per facilitare l’accesso a turisti e cittadini. Il nuovo atto permetterà al Comune di gestire e organizzare eventi e attività turistiche e in questo modo rilanciare il bene pubblico. Il pubblico potrà percorrere le sale di questo edifico che potrà raccontare la storia e la cultura locale.

Il forte, aperto durante la bella stagione dal 2017 è uno dei monumenti più antichi della Valle Susa. Dalle origini ancora incerte, viene citato per la prima volta nel 1155, quando i conti d’Albon esercitavano il controllo strategico, militare e mercantile, sulla strada del Monginevro, ed Exilles rappresentava il confine estremo orientale del principato. Dalla posizione scenografica, il Forte ha cambiato la sua conformazione nel tempo e ospitò tra il 1681 ed il 1687 il misterioso e famoso personaggio la “Maschera di Ferro”.

Il Comune di Exilles ha manifestato per la stagione 2022 la disponibilità a collaborare con la Regione per l’organizzazione di eventi in questo luogo. Con l’approvazione del nuovo atto si dà il via alla collaborazione, ottenuta anche l’autorizzazione da parte del Segretariato regionale per il Piemonte del Ministero della Cultura per il suo completo e formale utilizzo. La Regione intanto continua a lavorare per lo sviluppo e il futuro del bene cercando una collaborazione pluriennale che permetta di dare seguito a progetti più importanti. «Stiamo lavorando anche per avere un’autorizzazione pluriennale – spiega l’assessore Andrea Tronzano – in modo di poter disporre della stessa struttura su più stagioni».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo