VIA CAVALLI

Fontana di vetro ai giardini Grosa: «Sottrae spazi ai nostri bambini»

I comitati: «A quando la riqualificazione di piazza Benefica?»

La fontana di vetro trasloca davanti al grattacielo

La scultura sta per trovare casa, ma il quartiere storce il naso. A Cit Turin, nel giardino Nicola Grosa sono entrate nel vivo le operazioni propedeutiche alla collocazione della “Totalità”, discussa opera dell’artista greco Costas Varotsos rimossa due anni fa da piazza Benefica. Tralasciando il ritardo nei lavori – secondo i piani la consegna era prevista entro il 17 dicembre scorso – ai residenti e in particolare al comitato di zona la scelta non va giù. Soprattutto se il discorso si sposta sulla “non” riqualificazione della precedente location, appunto piazza Benefica. «I fondi per il restauro e il trasloco della statua – afferma Nico Miletto, del comitato Cit Turin per Torino Sostenibile – li hanno trovati in fretta mentre la nostra amata piazza aspetta da quasi sei anni il suo recupero funzionale».

In effetti, l’operazione relativa alla “Totalità” è piuttosto massiccia: 209mila euro in tutto, 150mila per il restauro finanziati dal gruppo Intesa Sanpaolo e 59mila spesi dal Comune per la già effettuata rimozione e la costruzione del nuovo basamento.

La scelta è ricaduta sul giardino Nicola Grosa di corso Vittorio perché trattasi di un’area priva di reti idriche, gas, fibre ottiche o telefoniche. «Un luogo perfetto per garantire un adeguato controllo dell’opera», queste le parole dell’assessora alla Cultura, Francesca Leon, in occasione dell’ultima riunione a Palazzo Civico. Non la pensa così il quartiere. «Anche se la nuova postazione è più decentrata rispetto al progetto iniziale – prosegue Miletto – parliamo comunque di una grossa porzione di giardino sottratta ai cittadini. Avevamo proposto piazza Baldissera o l’ex area Westinghouse, ma il Comune non ci ha voluto dare ascolto».

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single