firme false cgil
Cronaca
IVREA

Firme false dei pensionati per “cancellarli” dalla Cgil

La scoperta della truffa nel momento di compilare il 730

Centinaia di pensionati canavesani cancellati dall’iscrizione alla Cgil a favore di un’altra sigla, ma erano tutti ignari e scatta a denuncia per firme e deleghe false. A darne notizia sono stati Alfredo Ghella e Luigi Bellotto dello Spi-Cgil alto Canavese, Demetrio Vazzana, segretario generale dello Spi Cgil di Torino, e Franco La Tona della segreteria provinciale. L’esposto del sindacato è stato depositato dall’avvocato Silvia Boldrini in procura a Ivrea lo scorso 20 ottobre. «Ce ne siamo accorti nei mesi scorsi quando alcuni iscritti si sono rivolti a noi per fare il 730. Controllando risultava che avevano revocato l’iscrizione, ma loro negavano di averlo fatto. Ottenuti i documenti richiesti – aggiungono Vazzana e La Tona – abbiamo appurato l’esistenza di moduli di rilascio delega a questa associazione e contestuale revoca della precedente rilasciata allo Spi Cgil con in calce una firma dei pensionati. Confrontando però queste firme, quelle sui documenti di delega e quelle sulle carte di identità degli ex iscritti, emergevano chiaramente delle difformità. L’adesione così presa ha cagionato un indebito profitto per l’associazione che avrebbe messo a bilancio entrate da trattenuta sindacale che non le spettavano».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo