Foto da Youtube
Sport
MESSI BATTE MBAPPE’

Una finale da film: vince l’Argentina alla lotteria dei rigori

Finale indimenticabile. Ha vinto l’Argentina ai rigori, dopo emozioni che solo il calcio sa regalare. Tutti eroi. La vittoria dell’Argentina, unica squadra in campo per gran parte della gara, sembrava ormai cosa certa. Partita sbloccata, nel nome di Maradona, da Messi e messa apparentemente al sicuro dal principe Di Maria (l’uomo delle finali), autore del raddoppio. La Pulce, con sette gol in questa edizione ma primatista di presenze ai Mondiali con 26 partite, è stato poi superato nello sprint finale per la classifica cannonieri da Mbappè (tripletta; totale otto reti), che ha riacciuffato una finale che sembrava persa. La Francia, colpita dall’influenza alla vigilia, con un finale incredibile ha infatti cambiato le cose sul campo, cadendo poi ai rigori. Vittoria meritata quella dell’Argentina che aveva praticato del resto un calcio veloce e affidato alla tecnica dei propri primattori. La Francia è risorta nel finale, ma non ce l’ha fatta, come gli era già capitato con l’Italia del 2006. I teorici del pallone, si sa, vedono sempre cose che i comuni mortali non colgono. La fortuna ha deciso, per esempio, che Dembelè facesse un ingenuo intervento da rigore su Di Maria in area, e che l’Albiceleste passasse in vantaggio, raddoppiando poi grazie allo stesso, decisivo Di Maria con un’azione in velocità. E poi sarà intervenuta nella lotteria dei rigori che ha detto bene ai sudamericani, aiutando il portiere Martinez a essere decisivo. La Francia, che nel primo tempo non aveva fatto un tiro in porta, ed era rimasta l’ombra di se stessa anche nella ripresa, poi aveva pareggiato in maniera inattesa grazie a Mbappè. Ha perso ai rigori, ma l’Argentina ha meritato e Messi può salutare i Mondiali – era la sua ultima partita – da campione del mondo. Gli uomini di copertina sono due, uno per parte. Partiamo dal vincitore, vale a dire Lionel Messi, MVP del torneo, che solleva la coppa del mondo con due gol pesantissimi. Ha dato una gioia immensa agli argentini, ma soprattutto al suo “maestro”, Diego Armando Maradona, che si sarà goduto lo spettacolo da lassù. La Pulce conquista l’unico trofeo che gli mancava in carriera. Bisogna però nominare anche l’altro fuoriclasse francese, un Mbappè che vince la classifica cannoniere grazie a una tripletta incredibile: bisogna avere coraggio per segnare due rigori nel momento più difficile per la propria selezione. I compagni però non l’hanno assistito bene. Alla fine a far festa è l’Argentina, nel nome di Leo, nel segno di Diego.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo