Maurizio De Giulio (foto Facebook)
Cronaca
Il padre della vittima chiede silenzio sulla vicenda

FIDANZATI TRAVOLTI. “Nessun segno di frenata”. Per la procura è omicidio volontario

Il pm Stupino chiederà la convalida dell’arresto per l’uomo che ha ucciso Elisa Ferrero

Da omicidio stradale a omicidio volontario. E’ questo il reato contestato dalla Procura di Torino nei confronti di Maurizio De Giulio, il folle che domenica sera ha ucciso sulla strada statale di Condove la 27enne Elisa Ferrero, ferendo inoltre gravemente il fidanzato Matteo Penna.

A inchiodare l’uomo la perizia disposta dopo la tragedia. La richiesta di convalida dell’arresto sarà presto consegnata dal pm Elisa Stupino.

Secondo i rilievi l’uomo ha volutamente colpito la moto della coppietta dopo averla inseguita per quasi un chilometro. Domani De Giulio sarà sentito dal Gip, che si è riservato di decidere.

NESSUN SEGNO DI FRENATA. “Non ci sono tracce di frenata”. Con una nota il procuratore Armando Spataro ha parlato delle accuse inoltrate della procura nei confronti di Maurizio De Giulio. “Grazie ad una consulenza tecnica disposta con urgenza dal pm procedente risulta confermata (anche attraverso l’analisi dell’impianto ABS in dotazione all’autocarro) l’assenza di frenata del veicolo investitore, così da potersene dedurre unitamente agli altri elementi, la volontarietà della condotta omicidiaria dell’arrestato. Non ci sono segni di frenatura o di scarrocciamento. Lo evidenziano un video registrato da un impianto di sorveglianza della zona (a Condove, ndr), i rilievi fotografici e planimetrici e l’analisi dello stato e dei danni riportati dai veicoli coinvolti nello scontro e sequestrati”.

IL PAPA’ DI ELISA. Nel frattempo Andrea Ferrero, padre della vittima, ha chiesto silenzio sulla vicenda che ha coinvolto la 27enne di Moncalieri. “Basta”, con questa esclamazione l’uomo ha chiesto ai giornalisti di abbassare le attenzioni sulla famiglia che sta vivendo un dramma impossibile da dimenticare.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo