Aria pesante prima del cruciale confronto con Cantù

Fiat Torino, striscione contro la società. Il presidente Forni scrive ai tifosi

L'ammissione del patron: "Cerco persone interessate a rilevare la squadra"

Tensione e polemiche intorno alla Fiat Torino. Uno striscione contro l’attuale proprietà della squadra di basket è stato affisso nella notte sui cancelli dell’istituto Sociale di corso Siracusa, dove ha sede la Auxilium.

“La pazienza è finita! F.F. fatti una vita”, la scritta dello striscione in questione indirizzato al vicepresidente Francesco Forni proprio alla vigilia di una sfida delicatissima per il futuro dei gialloblu.

Domani, infatti, la Fiat Torino di coach Galbiati è impegnata nel match casalingo del PalaVela contro Cantù, un confronto diretto tra pericolanti ma anche tra squadre che potrebbero cambiare proprietà nel prossimo futuro.

“Sto lavorando affinché non venga dissipato il grande patrimonio del marchio Auxilium in serie A, senza curarmi di chi sta diffondendo notizie false e seminando odio”, si legge in una lettera aperta indirizzata ai tifosi dal presidente Antonio Forni. “Facciamo in modo che chi arriverà si innamori del nostro palazzetto e del nostro tifo appassionato, e non trovi invece un ambiente carico di negatività”.

La prima parte di stagione è stata ampiamente deludente, frutto sicuramente di errori della proprietà, dei dirigenti, del coach, dei giocatori”, l’ammissione del patron. “Stiamo cercando di imparare dagli errori stessi. Ma in questi anni qualche cosa di positivo l’abbiamo realizzata: il sogno della serie A, la conquista della Coppa Italia sono obiettivi importanti per una società giovane e una proprietà ‘familiare’. Per amore della Maglia sto cercando chi possa aiutare tutti noi tifosi della Fiat Torino Auxilium a portare avanti il Sogno”.

CONDIVIDI
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE
loop-single