evasione
Cronaca
Ma non ci sono stati episodi di assembramento significativi

Feste pasquali a Torino, 3000 persone controllate dalla polizia: decine le sanzioni

In zona Borgo Po, 9 giovani di età compresa fra i 20 e i 22 anni sono stati sorpresi a festeggiare il compleanno di uno di loro all’interno di una villa privata

In occasione delle festività pasquali a Torino sono stati numerosi i controlli effettuati dalla polizia impegnata a far rispettare le misure di contrasto all’epidemia da Coronavirus. Da San Salvario al Quadrilatero Romano, da piazza Santa Giulia a piazza Vittorio Veneto e vie limitrofe, passando per i principali parchi cittadini agli scali ferroviari e all’aeroporto di Caselle: tutta la città è stata costantemente monitorata.

In generale si è riscontrato un sostanziale rispetto delle prescrizioni da parte dei torinesi.  Molte le persone che hanno svolto attività sportiva, ridotte sia la circolazione stradale che quella appiedata. Non ci sono stati episodi di assembramento significativi.

Fra le oltre 3000 persone controllate, si sono registrate alcune decine di sanzioni, principalmente per mobilità ingiustificata.

Una quarantina i locali commerciali controllati: un minimarket in zona San Paolo è stato sanzionato e chiuso per 5 giorni per inottemperanza alle norme volte al contenimento della pandemia.

In zona Borgo Po, 9 giovani di età compresa fra i 20 e i 22 anni sono stati sorpresi a festeggiare il compleanno di uno di loro all’interno di una villa privata; tutti sono stati sanzionati.

In via La Salle, ieri notte alle 2 e mezza circa, era in atto una festa con musica ad alto volume, fra 11 persone non residenti; di questi, oltre alle sanzioni Covid, 3 cittadini sudamericani sono stati denunciati per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale

Infine, all’interno del Parco del Valentino, la polizia ha proceduto al rinvenimento e al sequestro di 4 carrelli abbandonati da venditori ambulanti abusivi, che alla vista delle forze dell’ordine si sono dati alla fuga, abbandonando 127 bottiglie di birra e 28 di altre bevande analcoliche. Uno di essi è stato successivamente sorpreso nell’atto di vendere alcolici ed è stato sanzionato amministrativamente per vendita abusiva su area pubblica per un importo di 5164 euro.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo