Depositphotos
Sport
COPPA ITALIA

Festa Toro a San Siro: con il giovane Adopo elimina il Diavolo

Assist di Bayeye, gol di Adopo: il Toro gode con i più insospettabili, Juric firma finalmente un’impresa da urlo. Perché arriva contro i campioni d’Italia a San Siro e dopo i tempi supplementari, con un’ora disputata in inferiorità numerica. Una partita da Toro, ora i quarti di finale contro la vincente di Fiorentina-Sampdoria per continuare a sognare. Juric lancia i titolarissimi con la novità Rodriguez esterno a tutta fascia sulla corsia mancina, Pioli cerca maggiore solidità difensiva passando al 3-5-2 con l’ex Pobega in mediana e De Ketelaere punta. Il suo pacchetto arretrato, però, si apre piuttosto in fretta e i granata hanno un’occasionissima: Sanabria mette Lukic solo davanti a Tatarusanu, il serbo non è abbastanza freddo e va a sbattere contro il portiere. Lo spavento scuote i rossoneri, De Ketelaere è l’uomo più pericoloso con un palo colpito di testa su azione di corner e un sinistro da fuori area respinto da Milinkovic-Savic. L’estremo difensore è attento anche su un tiro di Dest deviato da Ricci, nel complesso la squadra di Juric tiene botta ai campioni d’Italia durante tutto il primo tempo ma senza squilli dagli uomini più tecnici Vlasic e Miranchuk. L’equilibrio dura anche ad inizio ripresa, poi Messias è la carta giusta scelta da Pioli: l’ex Crotone prima spaventa Milinkovic-Savic, poi fa espellere Djidji per doppio giallo (scelta troppa severa) sfruttando un retropassaggio corto di Rodriguez. Juric corre ai ripari togliendo Sanabria per Zima, i rossoneri diventano al completo con gli ingressi di Hernandez e Giroud. Il Toro inevitabilmente soffre, alla fine però conquista i tempi supplementari mostrando una grande solidità difensiva e con Adopo a sostituire uno stremato Ricci. I granata tremano sui tentativi di Leao e Dest, ma ci provano con Lukic e Linetty che calciano in curva. Poi, al 114’, il contropiede iniziato da Lukic, guidato da Bayeye e concluso da Adopo: il Toro gode, la sua gente sogna. E Juric si prende una soddisfazione enorme.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners