Chiara Appendino
Politica
2 GIUGNO ALLA CASERMA MONTEGRAPPA

Festa della Repubblica, Appendino: “Ora è il momento di accelerare e pensare pienamente al futuro”

La sindaca di Torino: “Ripartiamo dai valori rappresentati da quel Tricolore che oggi onoriamo”

“Questa mattina abbiamo celebrato la Festa della Repubblica alla Caserma Montegrappa. È la seconda volta che l’omaggio ai nostri simboli, in occasione del 2 giugno, si svolge lontano da una piazza, senza cittadini. La prima prima è stata l’anno scorso, in piena pandemia. Ora, è passato solo un anno da quella prima celebrazione senza i volti dei nostri concittadini ad accompagnarci, eppure – almeno a me – sembra un periodo molto più lungo” ha scritto su Facebook la sindaca di Torino, Chiara Appendino.

“In questi 365 giorni abbiamo attraversato ripide salite, discese apparenti e nuovamente risalite. Abbiamo fatto esperienza della sofferenza, ma anche della forza di reagire.

Abbiamo visto persone a noi care andare via, ma anche perfetti sconosciuti che hanno lottato ogni giorno affinché vincesse la vita.

Abbiamo visto lo sconforto di chi stava perdendo tutto, ma anche Istituzioni, aziende, associazioni e cittadini muoversi come un sol uomo per fare in modo che ognuno perdesse un po’ meno” continua.

“Oggi, sembra si possa dire, siamo ancora qui, ma lo scenario nel Paese è profondamente cambiato e continuerà a cambiare. In meglio.

Oggi, la parola “ripartenza” assume un significato completamente nuovo, specie alla luce della campagna vaccinale che sta procedendo spedita e che ha già messo al sicuro molti dei nostri concittadini.

Quella di oggi è l’occasione per ricordare i tanti sacrifici fatti dal nostro Paese nell’ultimo anno, l’altissimo prezzo pagato in termini di vite umane, di rapporti umani, di crisi socio-economica.

Ma anche per ringraziare chi da tutto questo ci sta portando fuori” scrive ancora Appendino.

Adesso è davvero ora di accelerare e pensare pienamente al futuro. Facciamo che da questa terribile esperienza ci siano lezioni da imparare per costruire il futuro nostro e delle prossime generazioni.

Ripartiamo da ciò che non può più rimanere indietro. La scuola, la sanità, le persone più in difficoltà, l’ambiente, la cultura dell’innovazione.

In altre parole, ripartiamo dai valori rappresentati da quel Tricolore che oggi onoriamo. E torniamo a dare appuntamento in piazza, per il prossimo anno, a tutti i nostri concittadini.

Viva l’Italia” conclude la sindaca del capoluogo piemontese.

Condividi sui social:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo