Kelvin Liu, il bimbo di 7 anni appassionato di calcio e tifoso della Juventus, con la maglia di Dybala
News
Migliora anche la 26enne. Stabili le condizioni della 63enne ricoverata in Rianimazione

FERITO IN PIAZZA SAN CARLO Sciolta la prognosi, Kelvin sarà dimesso a giorni. E Dybala gli regala la maglia

Il piccolo era stato travolto dalla folla in preda al panico. Stamattina ha ricevuto la visita della Juve e ha parlato al telefono col suo beniamino

E’ stata sciolta la prognosi del piccolo Kelvin Liu, il bimbo di 7 anni di origine cinese appassionato di calcio e tifoso della Juventus, ricoverato all’ospedale Regina Margherita a seguito delle ferite riportate in piazza San Carlo a Torino, durante la proiezione della finale di Champions League tra i bianconeri e il Real Madrid. Il ragazzino verrà dimesso nei prossimi giorni.

DYBALA GLI REGALA LA SUA MAGLIA
Stamattina una delegazione del club di Vinovo si è recata in ospedale proprio per fare visita al piccolo che nella calca aveva riportato un trauma cranico e toracico. Per lui un regalo speciale: la maglia numero 21 del suo beniamino Paulo Dybala, con cui ha chiacchierato anche al telefono. La maglia gli è stata consegnata da un rappresentante della società bianconera.

KELVIN AL TELEFONO CON PAULO: “QUANDO VIENI A TROVARMI?”
Quando vieni a trovarmi?“, ha chiesto il piccolo a Dybala.”Devi darmi dei consigli per diventare bravo come te”, ha scherzato con il suo idolo. Il piccolo Kelvin, infatti, gioca a calcio in una società dilettantistica, la Polisportiva Garino nella prima cintura di Torino, e il pallone è la sua grande passione. “Nei prossimi giorni – spiegano i genitori – verrà dimesso e quindi potrà tornare sul campo”. La scorsa settimana i tifosi juventini avevano appeso fuori dall’ospedale uno striscione d’incoraggiamento per Kelvin e per le altre persone rimaste ferite in piazza San Carlo la sera del 3 giugno.

L’ARGENTINO: “IO HO TIFATO PER TE”
Tu hai tifato per noi, io ho tifato per te: felice che stai bene Kelvin“. Questo il messaggio di Paulo Dybala al piccolo Kelvin Liu. “E’ stato bello parlare con te”, ha poi aggiunto l’argentino nel tweet pubblicato sul suo account ufficiale.

MIGLIORA LA 26ENNE, STABILI LE CONDIZIONI DELL’ALTRA FERITA
A proposito degli altri feriti, sono in costante miglioramento anche le condizioni della 26enne calabrese da una settimana sotto osservazione nel reparto di Rianimazione universitaria delle Molinette. Nei prossimi giorni verrà trasferita in degenza. Rimangono stabili, invece, le condizioni della 63enne in Rianimazione ospedaliera sempre alle Molinette.  La ferita più grave rimane la donna di 38 anni, colpita da arresto cardiaco e ricoverata all’ospedale San Giovanni Bosco. Nei prossimi giorni i medici valuteranno la presenza di eventuali danni neurologici.

TRAVOLTI DALLA FOLLA IN PREDA AL PANICO
Le donne e il bambino erano stati travolti e schiacciati dalla folla quando, in piazza San Carlo, era scoppiato il panico che aveva scatenato il “fuggi fuggi” generale. Nel parapiglia, sulle cui cause ancora si indaga, sono rimaste ferite 1.527 persone.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo