caserma scotti
Cronaca
IL FATTO

Ex scuole, caserme e Planetario: il Covid 19 non ferma i progetti

Le riqualificazioni in programma a Mappano, Chieri e a Pino Torinese

Decine di progetti giacciono nei cassetti di sindaci e assessori, altri sono stati bloccati dal Covid, ma ci sono anche delle comunità che non si fermano e che fanno del recupero degli spazi pubblici la loro missione. È l’esempio del comune di Mappano, l’ex frazione che con la sua recente istituzione sta portando avanti molteplici progetti per colmare quel vuoto causato da decenni di coabitazione con ben quattro comuni. Il più importante è senza dubbio la ristrutturazione del padiglione nord dell’ex scuola materna di Borgaro (conosciuta come ex sede Amis) per la realizzazione della Casa della salute con ambulatori medici e infermieristici. Per il sindaco Francesco Grassi «l’intervento avrà una duplice valenza; riqualificare un edificio pubblico che non costringerà ad affittare locali da privati e creazione di nuovi spazi, dove realizzare la farmacia comunale con servizi di prevenzione e tutela della salute». A Pino Torinese da tempo si attende la rinascita dell’ex stazione di risalita al Planetario, bloccata a monte da una frana e ormai in balia di vandali. Si parla di un progetto di riqualificazione che permetta di migliorare l’accessibilità a visitatori e bus del fiore all’occhiello del paese, il Museo dello Spazio. Questa sembra essere la volta buona come afferma l’assessore all’Edilizia Pubblica Marcello Concas: «Il percorso partecipato con Hangar Piemonte si è completato con successo, ascoltando le istanze dei cittadini e delle associazioni del territorio, tanto che un anno fa eravamo pronti a lanciare il bando per affidare la struttura ad un operatore privato con tanto di fondi ministeriali per recuperare la struttura, eliminando le parti non più utilizzabili. Poi è arrivato il Covid e si è fermato tutto ma ora è ripartito auspicando una forte collaborazione con il Planetario, che potrà essere raggiunto da un nuovo percorso pedonale valorizzando la connotazione turistica e ambientale, rivolta al cicloturismo e all’escursionismo. con servizi dedicati come bar e ciclofficina».

Poco più in là sulla collina torinese, il comune di Chieri ha portato a casa con il progetto “MAGazzini in Rete” il secondo posto al Premio Piemonte Innovazione 2020 promosso dall’Anci. Il premio verrà utilizzato per la progettazione di parte dell’impianto elettrico dell’area della ex caserma Scotti, acquisita dal comune e destinata a diventare un polo logistico di raccolta e stoccaggio di beni alimentari di prima necessità destinati alle borse della spesa e ai pasti sociali. L’intera area è soggetta ad un cambiamento della sua destinazione d’uso, di recente un nuovo parcheggio destinato ai pendolari ha dato il via alla rinascita della zona che proseguirà con la trasformazione in un vero e proprio polo sociale. Per Raffaella Virelli, assessore alle Politiche sociali «nell’ex Scotti si sta sviluppando quello che è un embrione di un vero e proprio emporio solidale che vedrà lavorare insieme associazioni, scuole e coltivatori e volontari».

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo