ExBP
Cronaca
CORSO PRINIPE EUGENIO

Ex Buon Pastore, cantieri al via Nuovi uffici e giardino pubblico

Partiti ora i lavori al vecchio istituto, chiuso dal 1977

Le ruspe e gli operai sul posto, e i ponteggi finalmente montati dopo che il quartiere attendeva da tantissimi anni. Sono partiti ufficialmente, in corso Principe Eugenio, i lavori di riqualificazione dell’edificio dell’ex Buon Pastore. I lavori, di manutenzione straordinaria, sono eseguiti dall’impresa di costruzioni Cogefa, ora diventata proprietaria del Buon Pastore. Un complesso che era stato realizzato tra il 1847 e il 1909, da un ordine di suore con il fine di ospitare le ragazze disagiate, adesso l’ex istituto si prepara a rinasce come quartier generale appunto della Cogefa.

Duramente colpito dai bombardamenti durante la seconda guerra mondiale, e dopo un grave incendio, l’istituto di corso Principe Eugenio era stato definitivamente chiuso nel 1977. Alcuni padiglioni risultano però ancora oggi occupati dagli uffici della Regione Piemonte, in particolare dall’assessorato alla Sanità, mentre l’edificio storico oggetto dell’intervento di ristrutturazione è da allora abbandonato e, insieme al giardino centrale, è da tempo inaccessibile.

La scelta di sfruttare la riqualificazione per creare un nuovo spazio verde pubblico è in capo al Comune, ma sarà il privato a finanziarlo e a realizzarlo. La deroga al Piano regolatore della città, che aveva dato il via libera ai lavori all’ex Buon Pastore in estate, permette di dare nuova vita a un edificio storico di qualità, rispettandone i caratteri architettonici e senza consumare nuovo suolo. Cogefa risistemerà anche il giardino pubblico centrale del complesso, riaprendolo al pubblico.

Dal 2021, in seguito a un’asta pubblica, l’immobile risulta oggetto di concessione di superficie 99ennale; già nello stesso bando di gara, il Comune citava la possibilità di avanzare una eventuale richiesta di deroga al Piano regolatore per le destinazioni d’uso. La delibera approvata dalla giunta Lo Russo realizza quella prima intenzione.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo