eurovision star torino
Spettacolo
IL GRANDE EVENTO

Eurovision, in città arrivano le star. Pausini come Madonna: «Torino, siete caldi?»

I presentatori del grande evento musicale postano foto a Torino. Mentre i ragazzi si occupano di accogliere le delegazioni

Laura Pausini come Madonna: «Siete già caldi?». Bastano tre parole per far tornare indietro le lancette fino al 1987. Solo che quella volta sul palco di Torino c’era Madonna, in città per lo storico concerto del tour “Who’s That Girl” allo Stadio Comunale. Un momento che passò alla storia per quel saluto all’Italia con gli accenti sbagliati, che divenne presto un cult della storia della musica. Sull’onda dell’emotività la Pausini ripropone il mito. La cantante è arrivata in città da pochi giorni e si è subito fatta notare. Sono di ieri infatti alcuni selfie scattati durante una lezione di ballo che è sembrata non poco impegnativa. «Prego, continua pure» scrive la Pausini, rivolgendosi scherzosa al personal trainer che le “impone” di fare allenamento. L’attore e ballerino di flamenco Manfredi Gelmetti nella foto tiene in mano un manubrio da quattro chili e, contattato telefonicamente, si schermisce: non vuole rivelare se stia preparando la cantante per un numero speciale da sfoggiare sul palco dell’Eurovision. «Good morning Torino». Anche Mika ha fatto sapere ai suoi followers di essere arrivato a Torino tramite un post sui social. I ben informati sostengono che l’artista non alloggi in hotel. Mika preferirebbe gli attici della nostra bella città, da cui postare foto mozzafiato, suscitando la curiosità dei fans. E non resta che aspettare Cattelan, atteso in città per i prossimi giorni.

Nel frattempo, le delegazioni dei Paesi stranieri in gara sono arrivate e, ad accoglierle, hanno trovato i giovani volontari dell’Eurovision. Maglietta arancione d’ordinanza, bandiere, sorrisi e cartelli: i ragazzi sono andati all’aeroporto e in stazione a prendere i cantanti in arrivo con il loro entourage. «La macchina dei volontari non viaggia ancora a pieno regime – spiega il responsabile Michele Calleri -. Ma entro il fine settimana saranno tutti in servizio». Si tratta in totale di circa 700 giovani, che parteciperanno attivamente all’evento e a cui è stato assicurato anche un biglietto per lo show. Al momento, una parte dei volontari è in servizio nell’area accrediti e presso il Covid center ma, a partire da sabato con l’inaugurazione dell’Eurovillage, vedremo le magliette arancioni sbucare ovunque in città. Al momento però la scena è tutta per la bellissima Emma Muscat, in corsa per Malta con il brano “I am what I am”. Nel primo pomeriggio di ieri ha fatto la sua prima prova al Pala Alpitour, ma nelle ore seguenti si è concessa una pausa dal parrucchiere, con tanto di foto. I fan che ieri la hanno aspettata fuori dal Palazzetto sono rimasti delusi. La cantante è entrata da via Filadelfia, ha eseguito la performance, e poi è passata attraverso la passerella verso il tendone del media center. Nessun bagno di folla o corsa all’autografo nemmeno per Achille Lauro, in programma per la prova subito dopo Muscat. Cresce poi, di giorno in giorno, il cantiere del Villaggio Eurovision al parco del Valentino. Nell’area verde della città si lavora per allestire il palco, montare i tornelli, gli stand e, non meno importante, i bagni chimici.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Sportegolando
LA RUBRICA
Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo