arbitro
News
PEROSA ARGENTINA

Espelle un giocatore per un fallo. Arbitro preso a schiaffi in campo

La partita tra la squadra di casa e il Pralormo è stata sospesa

Ancora un arbitro di una partita di dilettanti aggredito e picchiato da un giocatore in seguito a una decisione non gradita.

È successo domenica scorsa, a pochi istanti dalla fine del primo tempo tra il Perosa e il Pralormo, sfida valida per la dodicesima giornata di andata del campionato di prima categoria, girone “E”. Una partita tra due compagini con differenti obiettivi: i padroni di casa cercavano una vittoria per avvicinarsi alla promozione, gli avversari erano invece alla ricerca di punti per abbandonare la “zona calda” e i play-out per non retrocedere in Seconda Categoria. A un minuto dalla fine del primo tempo, con i padroni di casa in vantaggio di due gol, ecco il caos: il numero 9 del Pralormo, Davide Rumiato, compie un’entrata piuttosto dura su un avversario, a due passi dall’arbitro, Simone Forina della sezione di Collegno, che lo espelle per doppia ammonizione. O almeno vorrebbe farlo, perché appena mette mano al taschino per estrarre il cartellino, il giocatore si avvicina all’arbitro e lo colpisce con uno schiaffo facendogli cadere a terra il fischietto. Poi per fortuna si dirige verso gli spogliatoi.

L’arbitro si prende qualche istante per capire cosa fare, senza riprendere il gioco. Poi, compreso di non essere più psicologicamente in grado di portare a compimento la sfida, decide di sospenderla, avvisando i due capitani e i rispettivi dirigenti.

Già nei minuti successivi al fattaccio, il presidente del Pralormo, Marco Viti, si è recato nello spogliatoio dell’arbitro per sincerarsi delle sue condizioni e per scusarsi per quanto fatto dal suo giocatore. Un gesto, seppur apprezzato, che non dovrebbe evitare una maxi squalifica a Rumiato. Il giudice sportivo, in settimana, quasi certamente concederà la vittoria 3-0 a tavolino al Perosa.

Quanto accaduto a Perosa giunge in un momento in cui, a livello nazionale, la discussione sulle frequenti aggressioni ai danni degli arbitri e sulle contromisure da prendere è all’ordine del giorno. Proprio una settimana fa, nel Lazio, si è verificato uno degli episodi più gravi, con un arbitro picchiato e costretto alle cure mediche ospedaliere. In quel caso, l’Associazione italiana arbitri aveva deciso, di comune accordo con la Figc, di sospendere per una settimana i campionati non inviando per protesta gli arbitri.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo