Per estrarre la donna dalle lamiere sono dovuti intervenire i vigili del fuoco
News
VENARIA

Esce di strada e finisce nel fosso: un’altra vittima sulla provinciale

Una pensionata 83enne di Fiano ha perso la vita nell’incidente domenica sera

Ancora una morte lungo le strade dell’area metropolitana torinese. A pochissime ore dalla fine dell’anno, a perdere la vita, nella serata di domenica 29 dicembre, è stata Adriana Ferrari, pensionata di 83 anni residente a Fiano.

Tutto è avvenuto attorno alle 18, quando la donna ha perso il controllo della sua auto, una Lancia Ypsilon, mentre stava percorrendo la provinciale 1, la “Direttissima” delle Valli di Lanzo. Arrivata all’altezza di strada della Madonnina, alla periferia di Venaria, a poche centinaia di metri dal centro abitato della città della Reggia, la donna – originaria di Canaro, cittadina della provincia di Rovigo – è uscita fuori strada, finendo in un fosso.

La scena è stata vista da decine di automobilisti che in quegli stessi frangenti stavano percorrendo, in tutte e due le direzioni di marcia, una delle strade più battute di tutta l’area metropolitana. Immediato l’allarme al 112, visto che dall’auto non usciva nessuna persona.

Sul posto sono così arrivati i carabinieri della compagnia di Venaria e il personale sanitario del 118. Con loro anche i vigili del fuoco, che si sono fatti largo tra le lamiere per permettere a medico e infermieri di soccorrere la donna fosse ancora viva: tutto, però, è risultato vano. La 83enne era già morta, con i sanitari che hanno solo confermato il decesso.

Secondo i primi accertamenti dei carabinieri, la donna potrebbe essere stata colpita da un malore che le ha fatto così perdere il controllo della macchina. Una tesi confermata anche dal medico legale dell’Asl To3, intervenuto successivamente alla tragedia.

La notizia della sua morte ha fatto il giro, in poche ore, di tutta Fiano. Forti i disagi al traffico viario, con lunghe code in entrambe le direzioni, per permettere i rilievi da parte dei carabinieri e il recupero della salma.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo
banners