Piazza San Carlo teatro degli incidenti
News
IL CASO

“DALLA FESTA ALLA TRAGEDIA”. Errori e carenze organizzative: ecco che cosa non ha funzionato in piazza San Carlo

Dalla documentazione raccolta dalla commissione comunale d’indagine emergono gravi lacune sulla sera del 3 giugno: i dettagli

Secondo quanto emerso dalla documentazione raccolta dalla commissione comunale d’indagine, ci furono “gravi carenze” nell’organizzazione in piazza San Carlo della proiezione della finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid.

“DALLA FESTA ALLA TRAGEDIA”.

Le immagini dei disordini di Torino, lo scorso 3 giugno, hanno fatto il giro del mondo. Nelle motivazioni della costituzione della commissione si legge che “un momento che doveva rappresentare una festa si è drammaticamente e inspiegabilmente trasformato in tragedia”.
Una tragedia in seguito alla quale è morta Erika Pioletti, dopo 12 giorni di tremenda agonia. E che ha causato 1.526 feriti. Ricordiamo che nessuna relazione finale è stata votata perché ritenuta incompleta. Per il regolamento comunale l’indagine può comunque dichiararsi conclusa.

LE CARENZE.

Emergono dettagli importanti sulle carenze organizzative dell’evento del 3 giugno, come – ad esempio – il mancato presidio degli accessi al parcheggio sotterraneo di piazza San Carlo. Gli stessi accessi, infatti, sono stati poi utilizzati dai venditori abusivi per scaricare le bevande in vetro, i cui cocci hanno causato la maggior parte dei feriti. . Inoltre, molte delle prescrizioni – 19 in tutto – impartite dalla commissione di vigilanza non furono osservate. Per organizzare l’evento ci furono due riunioni contro le tredici che hanno invece preceduto l’organizzazione della festa di San Giovanni.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo